Presso l’Auditorium Regina Pacis a Molfetta

Atletica Leggera, riconoscimento al tecnico fasanese Michele Cuoco

Sarà premiato per aver conquistato con la giovane atleta Jacqueline Akakpovi, il Campionato Italiano di Prove Multiple

Altri Sport
Fasano giovedì 09 gennaio 2020
di La Redazione
il tecnico fasanese Michele Cuoco con la giovane atleta Jacqueline Akakpovi
il tecnico fasanese Michele Cuoco con la giovane atleta Jacqueline Akakpovi © n.c.

Questa sera, a partire dalle 17,30, presso l’Auditorium Regina Pacis in via XXV Aprile a Molfetta, la Federazione Italiana di Atletica Leggera, alla presenza del Sindaco di Molfetta Prof. Tommaso Minervini, del Consigliere Nazionale Fidal Oscar Campari, del Consigliere Nazionale Coni Elio Sannicandro, del presidente del Coni Puglia Angelo Giliberto e del presidente regionale Fidal Puglia Giacomo Leone, premierà società, atleti, tecnici, dirigenti e giudici pugliesi che si sono maggiormente distinti nella stagione agonistica 2019.

Riceverà un riconoscimento anche il tecnico fasanese Michele Cuoco, premiato per aver conquistato con la giovane atleta Jacqueline Akakpovi tesserata per l’Atletica Altamura e da lui allenata dal 2017, il Campionato Italiano di Prove Multiple riservato alla categoria ragazzi-e (12-13 anni) che si è tenuto il 27 settembre scorso a Crotone.

55 anni di cui oltre 40 passati nello sport, prima come atleta (ciclismo e corsa) e poi come allenatore, prossimo all’acquisizione del del terzo livello federale come Allenatore Specialista, Michele Cuoco ha in bacheca ben 10 titoli nazionali ottenuti con atleti senior master, tutti nell’ambito del mezzofondo in pista (1500m, 3000m, 5000m e 10000m). È attualmente il tecnico societario della Polisport Ciclo Club Fasano, oltre a seguire 15 atleti senior di alto livello e 7 atleti del settore giovanile della Atletica Altamura.

«Sono particolarmente felice di questo risultato – dichiara il tecnico fasanese - che va coronare un percorso iniziato nel 2015, anno in cui ho iniziato a guidare il settore giovanile dell’Atletica Carovigno, proseguito con la collaborazione con quello dell’AlterAtletica Locorotondo (2017-2018) e dallo scorso anno con l’Atletica Altamura. La mia carriera da allenatore è però iniziata nel 2003, quando ho iniziato a seguire i primi atleti del settore senior, con cui ho ottenuto decine e decine di successi, ma raggiungere questo prestigioso traguardo nel settore giovanile mi ha emozionato a dismisura.

Jacqueline, poi, è stata letteralmente straordinaria se si tiene da conto che, per conquistare il titolo italiano nell’ambito della Finale Nazionale Trofeo Coni, ha conseguito la miglior prestazione italiana 2019 con 3141 punti grazie alle prestazioni sui 60m (8”40), nel salto in lungo (4,74m), nel lancio del vortex (36,50m) e sui 600m (1’46.01); al termine di 5 ore di gare sotto un sole cocente iniziate alle 9.30 con i 60m e terminate con i 600m alle 14.30!.

L’impresa assume ancor più valore in considerazione sia del numero di ragazze tesserate a livello nazionale, ben 10380, sia del fatto che attualmente non disponiamo di un impianto completo per poter praticare tutte le discipline dell’atletica leggera: è stato un po’ amaro, seppur alimentando orgoglio e fierezza, sentire commentare alcuni tecnici del nord Italia che a vincere il titolo nazionale di prove multiple era stata una ragazza che non ha una impianto di atletica leggera dove poter allenarsi serenamente».

Michele ci lascia confessandoci la sua personale speranza di poter un giorno non troppo lontano di poter disporre proprio qui a Fasano della pista di atletica su cui allenare, con il pensiero rivolto a quella presente nel Campo Comunale “Sergio Ancona” di contrada Signorelli, pista che attualmente versa in condizioni abbastanza compromesse ma altresì recuperabili e magari con giusti e tempestivi investimenti da parte dell’Amministrazione Comunale si potrebbe, oltre che realizzare la speranza del tecnico fasanese,soprattutto dare ai nostri ragazzi la possibilità di praticare la Regina degli Sport!

Lascia il tuo commento
commenti