Con la sua Peugeot 106 di RS 1400

Finisce con un terzo posto di campionato il CIVM 2018 di Angelo Martucci

Il pilota di origini Pugliesi ma trapiantato a Trento, ha concluso il suo campionato in quel della Luzzi - Sambucina con la sua Peugeot 106 di RS 1400

Altri Sport
Fasano mercoledì 10 ottobre 2018
di La Redazione
Angelo Martucci
Angelo Martucci © Acisport

Termina il CIVM 2018 e per Angelo Martucci è podio di classe nella classifica di campionato. Il pilota di origini Pugliesi ma trapiantato a Trento, ha concluso il suo campionato in quel della Luzzi - Sambucina con la sua Peugeot 106 di RS 1400. È stato un campionato di alti e bassi, ma che comunque hanno consegnato a Martucci la certezza di ottimi riscontri.

Alla 23^ Luzzi - Sambucina ha preso il via anche Angelo Martucci che su Peugeot 106 è sceso in Calabria per giocarsi questo finale di campionato. In una classe affollatissima e piena di validi avversari, in gara 1 Martucci ha trovato un 6° posto, causato anche dalla poca conoscenza di un percorso difficile come quello di Luzzi. Poi nella seconda salita di gara, è arrivato un ottimo 4° posto di classe abbassando il suo tempo di quasi 2 secondi rispetto alla prima tornata. Quindi per Martucci un 4° posto di classe nella classifica finale.

Queste le sue dichiarazioni post gara: «Sapevamo che sarebbe stato difficile venire a correre in una gara dove non ho mai gareggiato, ma essendo l'ultima di campionato abbiamo comunque voluto giocarci le nostre carte. Faccio i complimenti ad un valido avversario come Arduino Eusebio per il campionato conquistato. Diciamo che sabato non abbiamo avuto modo di capire i segreti di questo tracciato, visto che in prova 1 siamo stati fermati con la rossa e abbiamo proseguito sopra in maniera pacata. Poi in prova 2 abbiamo tentato di capire quanto potevamo osare, anche in vista della gara di domenica. In gara 1 sicuramente potevamo abbassare il tempo di un bel po' e gara 2 ne è la testimonianza, abbassando di quasi 2 secondi il tempo della prima salita. Però non ci lamentiamo e siamo contenti a prescindere, perché abbiamo disputato un bel campionato e questo mi rende felice. Peccato non aver afferrato il podio finale nell'aggregata, ma è andata così».

Lascia il tuo commento
commenti