Al suo esordio sulle quattro ruote

Domenico Lacerignola si aggiudica la prima stagione della Classe 1,5 Bicilindriche

Vittoria del fasanese nel Campionato Italiano Velocità Montagna nella nuova categoria Bicilindriche 1,5 a bordo di una Fiat 500

Altri Sport
Fasano mercoledì 10 ottobre 2018
di La Redazione
Domenico Lacerignola si aggiudica la prima stagione della Classe 1,5 Bicilindriche
Domenico Lacerignola si aggiudica la prima stagione della Classe 1,5 Bicilindriche © n.c.

La prima stagione di gare sulle quattro ruote, dopo gloriosi trascorsi nel motocross e nell’enduro, fruttano al fasanese Domenico Lacerignola la vittoria nel Campionato Italiano Velocità Montagna nella nuova categoria Bicilindriche 1,5 a bordo di una Fiat 500 allestita dall’inseparabile amico (anche lui crossista di rango) Michele Pinto.

Fin dall’esordio sul circuito Umbro di Magione “Mimmo” ha fatto capire di che pasta è fatto, una guida istintiva ma “pulita” che su queste vetture con poca potenza frutta tanto. Poi è passato alle cronoscalate, percorsi per lui tutti sconosciuti e quindi debuttante per­no alla gara di casa, la Coppa Selva di Fasano. Con umiltà e sacrifico Mimmo e Michele sono andati avanti nello sviluppo della piccola e tanto ammirata 500 “mimetica”, fra le più fotografate dagli appassionati su tutti i percorsi.

Memorabile una gara all’Autodromo del Levante, anche in questa occasione un debutto, subito più veloce dei suoi avversari. Poi la stagione è proseguita con alti e bassi a Morano Calabro, a Gubbio, ­no alla velocissima Coppa Nissena, per poi giungere alla gara del CIVM a Luzzi con ancora la possibilità di vincere il campionato.

Luzzi non è semplice per chi la affronta la prima volta, ma dopo due salite di prova in Gara 1 vien fuori un buon tempo e chiude secondo, secondo anche in Gara 2 ma il primo risulta irregolare dopo le veri­che e così giunge la vittoria che gli consente di chiudere in testa il CIVM. Bravo Michele Pinto a confezionare una 500 bella e vincente, bravo anche a non arrendersi mai e fare da tutor ad un pilota debuttante che ha dimostrato ancora una volta di che “sto‑a” è fatto un campione delle due ruote, bravo Mimmo, ancora una volta ti dovremo chiamare Campione!

Lascia il tuo commento
commenti