Il primo riconoscimento su scala nazionale

La BS Padel Fasano trionfa al Doppio Misto del Trofeo E-Motion Padel Città di Venezia

La coppia Ostuni-Fontana si è aggiudicata il primo posto vincendo 9-2 la finale contro i veneti Pozzebon-Altilia

Altri Sport
Fasano martedì 07 dicembre 2021
di La Redazione
La BS Padel Fasano
La BS Padel Fasano © n.c.

Dopo tanti successi in terra fasanese e pugliese, la BS Padel Fasano ottiene anche il primo riconoscimento su scala nazionale.

La coppia composta da Rossella Ostuni e Luca Fontana, tesserati BS Padel Fasano, ha trionfato nella categoria “Doppio Misto” al Trofeo E-Motion Padel Città di Venezia, un torneo che si è svolto nel weekend del 3-4-5 dicembre al Green Garden Village di Mestre.

Ben 30 tesserati BS Padel hanno partecipato a questa importante manifestazione organizzata dal sodalizio Beach and Spritz e che ha richiamato nelle gabbie blu centinaia di appassionati da tutta Italia.

La finale del “Doppio Misto” si è svolta nel pomeriggio di sabato 4 dicembre presso il centro padelistico veneziano e ha visto trionfare 9-2, in un set unico, la coppia Ostuni-Fontana che ha battuto la coppia veneta Pozzebon-Altilia.

Menzione speciale invece per la coppia di casa Pasianot-Marseguerra sale sul podio ottenendo il terzo posto.

«Questa categoria ha riscontrato molto interesse da tanti appassionati – dicono dall’organizzazione Beach e Spritz - e ha regalato dei match con un livello di gioco molto interessante, soprattutto per quanto riguarda la componente femminile. Complimenti alla coppia fasanese per il successo conseguito in una cornice molto importante e competitiva».

«Si sa che fare sport è sempre un momento di crescita sportiva e non – ha dichiarato Rossella Ostuni -, soprattutto quando lo si fa con atleti provenienti da tutte le regioni, ma la marcia in più è stato poterlo fare assieme alla famiglia della BS. Un ringraziamento va al main sponsor della squadra il gruppo Block Steam di Antonio Lacerignola, a tutto il gruppo della Bs Padel per il sostegno mostrato durante i tre giorni a Venezia ed al mio compagno di squadra Luca Fontana al quale, grazie alla sua esperienza, ho potuto rubare qualche segreto di questo meraviglioso sport».

Lascia il tuo commento
commenti