Atletica Leggera

Manifestazione nazionale di atletica leggera, ottimi risultati per il tecnico fasanese Michele Cuoco

Alla manifestazione Nazionale Indoor “Coppa Sportissimo” ad Ancona

Altri Sport
Fasano venerdì 02 aprile 2021
di La Redazione
Ottimi risultati per il tecnico fasanese Michele Cuoco
Ottimi risultati per il tecnico fasanese Michele Cuoco © n.c.

Ottimi risultati per il tecnico fasanese Michele Cuoco nella manifestazione nazionale di atletica leggera che si è tenuta domenica 28 marzo nel Palaindoor di Ancona, rigorosamente a porte chiuse come da normative anticontagio.

Dopo aver conquistato un oro e un bronzo nei Campionati Italiani Individuali di Atletica Leggera, riservati alla la categoria cadetti che si sono tenuti a Forli nell’ottobre dello scorso anno, grazie alle prestazioni delle sorelle Yasmine (vittoriosa nel salto triplo) e Jacqueline Akakpovi (giunta terza nella finale dei 300m piani), proprio per merito di quest’ultima, l’abile tecnico fasanese si è fregiato della conquista di un primo posto nella gara del salto in alto e un secondo posto in quella dei 60 metri piani.

Jacqueline, la più piccola delle due Akakpovi, si è brillantemente imposta nel salto in alto con la misura di 1,60mt che costituisce il nuovo primato regionale della categoria cadette, migliorando di un centimetro il vecchio primato che resisteva da ben 17 anni.

Non paga, la stessa sorprendente ragazza di Polignano a Mare, nella stessa giornata ha corso i 60m piani con il tempo di 7”86, prestazione di assoluto rilievo nazionale per la categoria, nonché secondo tempo di sempre nella lista all-time pugliese.

«Sono molto soddisfatto di come nonostante i tanti problemi legati alla pandemia in atto, a cui si è aggiunta la difficoltà logistica legata alla chiusura per lavori del Campo Comunale Sergio Ancona, le ragazze - ed in particolare Jacqueline- siano riuscite a dare continuità agli allenamenti, sacrificandosi oltremodo per raggiungere Bari, dove ha sede il campo scuola “Bellavista”. Sacrificio di cui io stesso – ovviamente- mi sono dovuto sobbarcare per ¾ volte a settimana.

Certo oggi posso affermare che i sacrifici sostenuti hanno dato frutti molto dolci: l’aver realizzato il primato regionale nel salto in alto con una ragazza non altissima di statura (1,58) è motivo di grande gioia e la dice lunga sulle notevoli doti della mia giovane atleta, oltre a dare risalto al buon lavoro che sono riuscito a svolgere su di lei dal punto di vista tecnico».

A tal proposito è bene ricordare che nel 2020 Michele Cuoco ha conseguito il diploma di tecnico specialista dei salti, terzo e più alto livello di formazione federale

«Ora - conclude il coach - sarà importante che l’Amministrazione Comunale, al termine dei lavori di rifacimento della recinzione, possa consentirmi di riprendere gli allenamenti in casa, poiché questo mi aiuterebbe a svolgere con maggiore disponibilità di tempo le sedute, senza il dover raggiungere Bari, in vista dell’imminente stagione outdoor, e soprattutto apportare ulteriori interventi migliorativi sulla pista, come la ristrutturazione della pedana del salto in lungo e la dotazione di un buon materasso di ricaduta per il salto in alto».

Lascia il tuo commento
commenti