Mercoledì 5 dicembre

Sold out per “Davanti a me c’è un’altra vita…”

Un cast gioavane ed entusiasta, composto interamente da ragazzi, ha portato in scena una rappresentazione inedita, scritta da Danilo Rizzo, diretta e prodotta da Francesco Leogrande

Spettacolo
Fasano giovedì 06 dicembre 2018
di Madia Lucia Colucci
“Davanti a me c’è un’altra strada...”
“Davanti a me c’è un’altra strada...” © Madia Lucia Colucci

Ieri, mercoledì 5 dicembre, la compagnia “Just In Time” ha presentato il nuovo spettacolo teatrale dedicato a Lucio Battisti “Davanti a me c’è un’altra vita…”.

Un cast gioavane ed entusiasta, composto interamente da ragazzi, ha portato in scena una rappresentazione inedita, scritta da Danilo Rizzo, diretta e prodotta da Francesco Leogrande. Una storia scritta e studiata ad hoc per intrecciarsi con i più celebri pezzi musicali di uno tra i più grandi, influenti e innovativi cantanti e musicisti italiani di sempre, uniti a cenni informativi riguardanti l’artista in questione.

Un breve excursus in cui sono state ricordate con passione e maestria le canzoni che hanno fatto da colonna sonora ad intere generazioni e che ancora oggi continuano ad essere pilastri fondamentali della musica italiana: “La collina dei ciliegi”, “I giardini di marzo”, “Eppur mi son scordato di te”, “Emozioni“, “Si, Viaggiare”, “Un’avventura”, “Amarsi un po’”.

Ed ancora “Una giornata uggiosa”, “Don Giovanni”, “Aver paura di innamorarsi troppo”, “Perché no”, “Io vorrei... non vorrei... ma se vuoi”, “L’arcobaleno” (canzone di Adriano Celentano, scritta o ispirata probabilmente da Battisti), “Mi ritorni in mente”, “Il tempo di morire”, “Ancora tu”, “Una donna per amico”, “Acqua azzurra, acqua chiara”.

Un turbine di emozioni diverse, di problematiche attuali, di esperienze universali hanno investito la platea con la forza e l’energia della passione che anima soprattutto i giovani artisti. La stessa passione che ha portato i protagonisti ieri a voler scommettere su di loro, sul riuscire a riempire un teatro, sulla capacità di destare la curiosità e l’interesse del pubblico.

Sicuramente questa scommessa si è detta riuscita ancor prima dell’apertura del sipario: sold out. Pochi pressoché ventenni hanno riempito un teatro, ottenendo anche, se ciò non fosse sufficiente, il gradimento della platea con una messa in scena che non può non ricordare gli spettacoli liceali in cui molti hanno mosso i primi passi nel mondo del teatro.

In conclusione dello spettacolo l’intero cast ha interpretato il 21º singolo di Lucio Battisti, pubblicato nel febbraio del 1980 “Col nastro rosa”, accompagnati dal pubblico che ha ricreato nel teatro l’atmosfera di un vero concerto a dimensione familiare.

In una scenografia composta prevalentemente da strumenti musicali e poco altro, a farla da padrone è stato il gioco di luci che ha coinvolto il pubblico durante l’intero arco della rappresentazione. I giovani artisti hanno fuso le maggiori arti (musica, recitazione e ballo) con l’intenzione di raccontare le parole, i messaggi e la magia della musica di Battisti.

Come ha sottolineato Francesco Leogrande nei ringraziamenti finali, quello portato in scena ieri «Non è un musical, una commedia o un’opera teatrale ma amore, passione, determinazione pura e responsabilità. Quella che caratterizza noi giovani sognatori.»

In seguito i nomi di tutti i partecipanti:

Attori: Danilo Rizzo, Mariasole Corelli, Francesco Leogrande, Alessio Pantaleo, Giulio Sassanelli.

Aiuto regia: Mariliana Petruzzi, Veronica Calella, Leonardo Conversano.

Band: Francesco Leogrande, Mattia Ostuni, Danilo Sabino, Francesco Conversano, Alessandro De Blasio, Luca Leoci.

Cantanti: Francesco Leogrande, Alessandro De Blasio, Luisa Pinto, Roberto Cofano, Francesca Gianfrate, Marina Guarini, Natalia Saponaro.

Corpo di ballo: Giorgia Castrovilli, Emanuela Caramia, Martina Carrieri, Maria Cofano, Federica Donnaloia, Isabella Lillo, Monica Palmisano, Daniela Santoro, Giada Zizzi .

Lascia il tuo commento
commenti