La nota

Nuova ordinanza del sindaco per la riapertura del mercato di Montalbano dei soli prodotti alimentari

Ecco le procedure da rispettare

Politica
Fasano lunedì 18 maggio 2020
di La Redazione
Mercato alimentare
Mercato alimentare © n.c.

Il sindaco ha diffuso una nuova ordinanza per regolamentare la riapertura del mercato di Montalbano dei soli prodotti alimentari.

Di seguito il testo della nota:

Il sindaco premesso che:

  • l’Organizzazione mondiale della Sanità il 30 gennaio 2020 ha dichiarato l’epidemia da COVID-19 un’emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale;
  • la medesima Organizzazione mondiale della Sanità l’11 marzo 2020 ha dichiarato l’epidemia da COVID-19 “pandemia”, in considerazione dei livelli di diffusività e gravità raggiunti a livello globale;
  • con DPCM del 26 aprile 2020 sono state approvate ulteriori misure urgenti di contenimento del contagio, in sostituzione di quelle del precedente DPCM del 10 aprile 2020, con efficacia a partire dal 4 maggio fino al 17 maggio 2020;
  • con ordinanza del Presidente della Regione Puglia n. 235 del 14 maggio 2020 sono state dettate disposizioni in materia di mercati per tutti i settori merceologici, alimentari, non alimentari e misti;
  • con decreto legge del 13 maggio 2020, cosiddetto decreto “Rilancio” sono state adottate ulteriori misure per il contenimento della diffusione del virus COVID-19 e per il riavvio delle attività economiche e produttive;
    • Montalbano - Via Don Vittorio Carparelli – lunedì;
    • Fasano – Largo Palmina Martinelli – mercoledì;
    • Pezze di Greco- Via Campanella (C.so Nazionale e via della Fiera) – venerdì;
    • Fasano – Largo Palmina Martinelli – sabato (mercato del contadino);

Considerato l’evolversi della situazione epidemiologica, il carattere particolarmente diffusivo dell’epidemia e l’incremento dei casi sul territorio nazionale;

Richiamata la propria precedente ordinanza n. 23 del 27 aprile 2020 con cui si è disposta la ripresa delle attività dei mercati settimanali preposti alla vendita di beni alimentari con efficacia dal 29 aprile 2020 per le seguenti aree:

e sono state altresì definite le condizioni e le prescrizioni da osservare a salvaguardia della salute pubblica;

Ritenuto provvedere in questa sede, ai sensi delle disposizioni di cui ai capoversi che precedono, nonché in ragione dell’accertata diminuzione dei casi di contagio da COVID- 19 nelle trascorse giornate, nonché al fine di salvaguardare lo svolgimento delle attività economiche consentite dalla attuale legislazione emergenziale, disporre in ordine alla riapertura del mercato settimanale di Montalbano, previsto nella giornata di lunedì, mercato per la vendita di prodotti alimentari, non alimentari e con decorrenza dalla giornata del prossimo 18 maggio;

Considerato, inoltre, che la disposta ripresa delle attività del mercato settimanale di Montalbano per la vendita di generi alimentari, non alimentari e misti consente, comportando ampliamento dell’offerta al pubblico dei beni, di differenziare, estendendo anche temporalmente, l’accesso al pubblico;

Considerato, pertanto, che la disposta riapertura non arreca lesione, neppure potenziale, alla salute pubblica, in quanto in occasione dello svolgimento dei suddetti mercati, verranno garante le seguenti misure previste dall’ordinanza del Presidente della Regione Puglia n. 235 del 14 maggio 2020 e dalle linee guida di cui alla Circolare n. AOO_002/1145 del 15 maggio 2020;

Precisato che:

  • il mercato settimanale di Montalbano si svolge su una sola strada, Via Don Vittorio Carparelli, i posteggi (n. 20, compresi quelli per i cosiddetti spuntisti) sono posizionati su un solo lato, l’area mercatale è complessivi 2560 metri quadrati;
  • tali circostanze consentono di non variare il layout dell’area mercatale, in quanto detta collocazione consente, per i venti posteggi previsti, l’efficace rispetto delle misure precauzionali, attraverso la predisposizione di un corridoio di transito (corsia di scorrimento) di ampiezza di 2,40 mt., prevedendo un percorso unidirezionale;
  • tali circostanze consentono altresì di non variare l’orario di svolgimento del mercato, a partire dalle ore 7.00 alle ore 13.30;
  • l’area mercatale sarà perimetrata, a cura del Comando di Polizia locale, per regolamentare e scaglionare, qualora necessario, gli accessi al fine di garantire il mantenimento del distanziamento interpersonale in tutte le attività e le loro fasi;
  • l’area mercatale sarà perimetrata prevedendo l’accesso dall’intersezione da via Calatafimi e l’uscita da Via Don Vittorio Carparelli;
  • saranno differenziati i percorsi di entrata e di uscita con appositi contenitori per la raccolta rifiuti ai rispettivi varchi collocati da parte dell’attuale gestore del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti solidi urbani su indicazione del Comando di Polizia locale;
  • sarà garantita l’attività di raccolta rifiuti, nonché la pulizia dell’area mercatale nelle ore precedenti l’apertura, da parte dell’attuale gestore del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti solidi urbani;
  • operatori, cittadini e visitatori saranno adeguatamente informati in ordine alle misure precauzionali adottate mediante posizionamento di cartelli e adeguata pubblicità istituzionale;
  • gli operatori mercatali si atterranno scrupolosamente alle seguenti prescrizioni di cui all’art. 3, n. 2 della precitata ordinanza regionale n. 235/2020, come a seguire:
  • il layout resta invariato, in quanto le caratteristiche dell’area mercatale e detta collocazione consentono, per i venti posteggi previsti, l’efficace rispetto delle misure precauzionali, attraverso la predisposizione di un corridoio di transito (corsia di scorrimento) di ampiezza di 2,40 mt. e prevedendo un percorso unidirezionale;
  • l’orario di svolgimento del mercato resta invariato, a partire dalle ore 7.00 alle ore 13.30;
  • l’area mercatale deve essere perimetrata, a cura del Comando di Polizia locale, per regolamentare e scaglionare, qualora necessario, gli accessi al fine di garantire il mantenimento del distanziamento interpersonale in tutte le attività e le loro fasi;
  • la perimetrazione deve prevedere l’accesso dall’intersezione da via Calatafimi e l’uscita da Via Don Vittorio Carparelli;
  • vanno differenziati i percorsi di entrata e di uscita con appositi contenitori per la raccolta rifiuti ai rispettivi varchi collocati da parte dell’attuale gestore del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti solidi urbani su indicazione del Comando di Polizia locale;
  • l’attività di raccolta rifiuti, nonché la pulizia dell’area mercatale nelle ore precedenti l’apertura, deve essere garantita da parte dell’attuale gestore del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti solidi urbani;
  • Operatori, cittadini e visitatori saranno adeguatamente informati in ordine alle misure precauzionali adottate mediante posizionamento di cartelli e adeguata pubblicità istituzionale;
  • Gli operatori mercatali devono attenersi scrupolosamente alle seguenti prescrizioni di cui all’art. 3, n. 2 della precitata ordinanza regionale n. 235/2020, come a seguire:
  • rispettare, per quanto applicabili, le indicazioni per la valutazione integrata del rischio di venire a contatto con fonti di contagio in occasione di lavoro, di prossimità connessa ai processi lavorativi, nonché l’impatto connesso al rischio di aggregazione sociale anche verso “terzi” nonché le misure organizzative, di prevenzione e protezione, nonché di lotta all’insorgenza di focolai epidemici contenute nel documento INAIL (versione Aprile 2020 e successive) anche in considerazione di quanto già contenuto nei “Protocolli di condivisione” allegati al D.P.C.M. 26-04-2020 per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro stipulati tra Governo e Parti sociali;
  • organizzare la turnazione dei dipendenti in modo da lavorare in squadre fisse di operatori che siano sempre gli stessi per ogni turno;
  • attrezzare un punto di distribuzione di guanti monouso non forati e un dispenser per l'igienizzante mani, oltre che bidoni con coperchio, presso il proprio posteggio;
  • rispettare i principi generali e speciali in materia di autocontrollo (HACCP) ai fini della sicurezza degli alimenti;
  • mantenere sempre integri o cambiare all'occorrenza i guanti (sono consigliati guanti in nitrile di colore blu);
  • controllare che i clienti non tocchino gli alimenti se privi di guanti;
  • sottoporre a pulizia e disinfezione ricorrente le superfici in generale delle strutture di vendita;
  • sensibilizzare la propria clientela al rispetto delle distanze sociali di almeno un metro ed al divieto di assembramento;
  • consentire l'ingresso di fornitori esterni nell'area mercatale solo per reali necessità e senza possibilità di accesso agli spazi produttivi per alcun motivo;

Ritenuto altresì di precisare che per ciò che attiene:

1.DISTANZE FRA I BANCHI


La distanza da banco a banco non sarà inferiore a 1,00 mt; potrà essere inferiore se l’operatore economico, in corrispondenza del limite del banco, adotti una parete divisoria di altezza non inferiore a mt. 1, 50, ovvero un prolungamento della tenda laterale, di copertura in entrambi i lati, in materiale plastico che arrivi a terra;

2 DELIMITAZIONE DEI POSTEGGI

Gli operatori economici provvederanno a chiudere con opportune strumentazioni (nastri, brandine, manufatti in compensato o altro mezzo) gli interstizi da banco a banco in modo da impedire l’acceso esterno;

3.CORSIE DI SCORRIMENTO FRONTALE

Essendo il mercato posto su fila unica, vi sarà una sola corsia di scorrimento frontale ai banchi di vendita di almeno mt. 2,40 dal fronte opposto, da delimitarsi da parte del personale della Polizia locale con nastro adesivo o nastro o gesso;

4.DOTAZIONI DEL BANCO E OBBLIGO DI PROTEZIONI INDIVIDUALI PER IL VENDITORE

E’ consigliabile che sull’area mercatale siano messi a disposizione dei clienti guanti usa e getta e soluzione idro-alcolica igienizzante;

è consigliabile che il cliente acceda all’area mercatale se provvisto di mascherina o sciarpa o foulard;

5.SPAZIO DI VENDITA FRONTALE

lo spazio di vendita frontale deve essere delimitato, da parte dell’operatore economico, con nastro adesivo o gesso, affinché il posizionamento dei clienti garantisca una distanza interpersonale di 2 metri;

6.GESTIONE DELLO SPAZIO INTERNO ALL’AREA MERCATALE

Presidio e sorveglianza a cura del personale del Comando di Polizia locale, coadiuvato dalla Protezione civile;

7.NUMERO MASSIMO DI CONSUMATORI AMMESSI SULL’AREA MERCATALE Sarà garantito un flusso costante di presenze attraverso la gestione delle entrate e delle uscite dall’area;

8.PULIZIA DELL’AREA MERCATALE

La pulizia dell’area mercatale è a carico dell’Amministrazione comunale;

9.ACCESSI E USCITE DAL MERCATO

Sono previsti varchi di entrata e di uscita diversi, al fine di gestire in modo fluido ed efficace il contingentamento degli accessi;

In virtù dei poteri conferiti dal D. lgs. n. 267/2000, art. 50, comma 5; Visto lo Statuto comunale;

O R D I N A

per le ragioni in narrativa esposte e in questa sede integralmente richiamate, la riapertura del mercato di Montalbano, per la vendita di beni alimentari, non alimentari e misti con decorrenza dal prossimo 18 maggio, considerato che si svolge su una sola strada, Via Don Vittorio Carparelli, e per

n. 20 posteggi (compresi quelli per i cosiddetti spuntisti) posizionati su un solo lato, su una superficie complessiva dell’area 2560 metri quadrati, con l’osservanza delle seguenti prescrizioni:


  • rispettare, per quanto applicabili, le indicazioni per la valutazione integrata del rischio di venire a contatto con fonti di contagio in occasione di lavoro, di prossimità connessa ai processi lavorativi, nonché l’impatto connesso al rischio di aggregazione sociale anche verso “terzi” nonché le misure organizzative, di prevenzione e protezione, nonché di lotta all’insorgenza di focolai epidemici contenute nel documento INAIL (versione Aprile 2020 e successive) anche in considerazione di quanto già contenuto nei “Protocolli di condivisione” allegati al D.P.C.M. 26-04-2020 per il contrastoe il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro stipulati tra Governo e Parti sociali;
  • organizzare la turnazione dei dipendenti in modo da lavorare in squadre fisse di operatori che siano sempre gli stessi per ogni turno;
  • attrezzare un punto di distribuzione di guanti monouso non forati e un dispenser per l'igienizzante mani, oltre che bidoni con coperchio, presso il proprio posteggio;
  • rispettare i principi generali e speciali in materia di autocontrollo (HACCP) ai fini della sicurezza degli alimenti;
  • mantenere sempre integri o cambiare all'occorrenza i guanti (sono consigliati guanti in nitrile di colore blu);
  • controllare che i clienti non tocchino gli alimenti se privi di guanti;
  • sottoporre a pulizia e disinfezione ricorrente le superfici in generale delle strutture di vendita;
  • sensibilizzare la propria clientela al rispetto delle distanze sociali di almeno un metro ed al divieto di assembramento;
  • consentire l'ingresso di fornitori esterni nell'area mercatale solo per reali necessità e senza possibilità di accesso agli spazi produttivi per alcun motivo;

SI PRECISA

che per ciò che attiene:

1.DISTANZE FRA I BANCHI

La distanza da banco a banco non sarà inferiore a 1,00 mt; potrà essere inferiore se l’operatore economico, in corrispondenza del limite del banco, adotti una parete divisoria di altezza non inferiore a mt. 1, 50, ovvero un prolungamento della tenda laterale, di copertura in entrambi i lati, in materiale plastico che arrivi a terra;

2 DELIMITAZIONE DEI POSTEGGI

Gli operatori economici provvederanno a chiudere con opportune strumentazioni (nastri, brandine, manufatti in compensato o altro mezzo) gli interstizi da banco a banco in modo da impedire l’acceso esterno;

3.CORSIE DI SCORRIMENTO FRONTALE


Essendo il mercato posto su fila unica, vi sarà una sola corsia di scorrimento frontale ai banchi di vendita di almeno mt. 2,40 dal fronte opposto, da delimitarsi da parte del personale della Polizia locale con nastro adesivo o nastro o gesso;

  • DOTAZIONI DEL BANCO E OBBLIGO DI PROTEZIONI INDIVIDUALI PER IL VENDITORE

È consigliabile che sull’area mercatale siano messi a disposizione dei clienti guanti usa e getta e soluzione idro-alcolica igienizzante;

è consigliabile che il cliente acceda all’area mercatale se provvisto di mascherina o sciarpa o foulard;

5.SPAZIO DI VENDITA FRONTALE

Lo spazio di vendita frontale deve essere delimitato, da parte dell’operatore economico, con nastro adesivo o gesso, affinché il posizionamento dei clienti garantisca una distanza interpersonale di 2 metri;

6.GESTIONE DELLO SPAZIO INTERNO ALL’AREA MERCATALE

Presidio e sorveglianza devono essere a cura del personale del Comando di Polizia locale, coadiuvato dalla Protezione civile;

7.NUMERO MASSIMO DI CONSUMATORI AMMESSI SULL’AREA MERCATALE

Va garantito un flusso costante di presenze attraverso la gestione delle entrate e delle uscite dall’area;

8.PULIZIA DELL’AREA MERCATALE

La pulizia dell’area mercatale è a carico dell’Amministrazione comunale;

9.ACCESSI E USCITE DAL MERCATO

Sono previsti varchi di entrata e di uscita diversi, al fine di gestire in modo fluido ed efficace il contingentamento degli accessi;

La presente ordinanza è efficace dal giorno 18 maggio 2020 fino al 01.06.2020, salve nuove disposizioni.

La violazione della presente ordinanza, salvo che il fatto non costituisca reato più grave, è punibile ai sensi dell’art. 4 del D.L. 25 marzo 2020, n. 19.

Per tutto quanto non previsto dalla presente Ordinanza si applicano le disposizioni previste dalla normativa nazionale, fatte salve eventuali altre misure adottate dalla Regione Puglia, relativamente al territorio regionale.

Nello spirito di massima collaborazione si invita pertanto ad affidarsi sempre e solo alle informazioni e alle indicazioni che provengono da fonti istituzionali.

Avverso la presente ordinanza è ammesso ricorso al Tribunale amministrativo regionale nel termine di sessanta giorni dalla comunicazione, ovvero ricorso Straordinario al Presidente della Repubblica entro il termine di centoventi giorni.

La presente ordinanza è pubblicata all’Albo pretorio, sul sito istituzionale del Comune di Fasano. Viene trasmessa al Prefetto di Brindisi, al dirigente Suap, al Comandante della Polizia locale per la predisposizione della dovuta attività di controllo in collaborazione con la Protezione civile e alle Forze dell’ordine, alla competente Azienda sanitaria locale, al gestore del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani.

Lascia il tuo commento
commenti