Le parole della dirigente di Fratelli d'Italia Fasano

Banca Popolare di Bari, FDI Fasano soddisfatto per il risultato del deputato pugliese Gemmato

Il Governo ha accolto, con parere favorevole, l'ordine del giorno dell'on. Gemmato al decreto in sostegno del sistema creditizio nel Mezzogiorno», dichiara Grazia Neglia

Politica
Fasano giovedì 23 gennaio 2020
di La Redazione
Grazia Neglia
Grazia Neglia © FasanoLive

Fratelli d’Italia Fasano esprime soddisfazione per il risultato raggiunto dal deputato pugliese Marcello Gemmato su Banca Popolare di Bari.

«Il Governo ha accolto, con parere favorevole, l'ordine del giorno dell'on. Gemmato al decreto in sostegno del sistema creditizio nel Mezzogiorno».

Lo dichiara Grazia Neglia, dirigente di Fratelli d'Italia Fasano.

«L’ordine del giorno ha impegnato l’esecutivo a valutare l’opportunità di stanziare, in un prossimo provvedimento, sufficienti risorse destinate ad indennizzare i risparmiatori che hanno subìto un pregiudizio ingiusto, in ragione delle violazioni massive degli obblighi di informazione, diligenza, correttezza, buona fede oggettiva e trasparenza, sia da parte di Banca popolare di Bari sia da parte di altre banche e loro controllate interessate dall'acquisizione di partecipazioni al capitale di società bancarie e finanziarie da parte di Banca del Mezzogiorno – Mediocredito Centrale S.p.A., così come previsto dal decreto che abbiamo discusso oggi alla Camera dei deputati.

Le ragioni alla base della condivisione dell'atto di indirizzo politico di Gemmato da parte del Governo sono da rilevarsi nella necessità di dover supportare non solo gli istituti di credito in sofferenza, così come disposto dal decreto che abbiamo esaminato, ma anche il risparmio dei cittadini e delle imprese vittime di vendite illegittime di prodotti della banca illiquidi e ad alto rischio.

Aggiungo che prima di presentare l’ordine del giorno sono stati depositati due emendamenti al decreto legge che puntavano a destinare 300 milioni di euro in favore dell’indennizzo dei risparmiatori che hanno subito il predetto ingiusto pregiudizio da BpB e da altre banche. Gli emendamenti sono stati purtroppo respinti.

Speriamo che, alla luce dell’accoglimento dell'ordine del giorno, si possa giungere celermente ad individuare una soluzione e a stanziare concretamente le opportune risorse finanziarie per porre in essere un provvedimento adeguato a supportare quanto più possibile i risparmiatori della Banca popolare di Bari e di altre banche».

Lascia il tuo commento
commenti