La nota politica

Scianaro: «Auspichiamo in un azzeramento totale delle deleghe»

Le dichiarazioni del consigliere a seguito della revoca delle deleghe all’assessore De Leonardis

Politica
Fasano mercoledì 06 marzo 2019
di La Redazione
Il consigliere comunale Antonio Scianaro
Il consigliere comunale Antonio Scianaro © Angelo Buongiorno @FasanoLive.com

«Apprendiamo dagli organi di stampa che finalmente si è posto fine al teatrino della politica a Fasano , epilogo che ha portato alla destituzione dell’assessore al Turismo - Patrimonio - Demanio.

A dichiararlo è il consigliere Antonio Scianaro.

«Credo che sia giunto il momento che il sindaco Zaccaria a quasi tre anni dal suo insediamento dia un vero “ZAC”, e non si limiti soltanto come ha dichiarato, “a riflettere su questa decisione ... e sul preoccupante disorientamento politico ed amministrativo che sento il dovere di fermare”.

Lo stato di grande disorientamento, lo abbiamo percepito insieme ai tanti cittadini accorsi nell’ultimo consiglio comunale, dove all’ordine del giorno si discutevano argomenti di straordinaria importanza, dall’applicazione delle Tariffe TARI al nuovo regolamento della Tassa di Soggiorno. Il dibattito è avvenuto senza gli assessori delegati (Vice Sindaco Assessore con delega al Bilancio Giovanni Cisternino e assessore al Turismo Leonardo De Leonardis), con il sindaco che ha dovuto proporre e sostenere tutte le delibere.

Auspichiamo in un azzeramento totale delle deleghe, dalla prima all’ultima, nessuna esclusa.

Questa città merita un necessario e radicale cambio di passo. Siamo ormai alle porte della stagione turistica, e le nostre marine mostrano segni di assoluto degrado.

Si sta vanificando e mettendo a serio rischio, tutto il lavoro e gli sforzi di tanti imprenditori, che con il sostegno delle precedenti amministrazioni hanno permesso alla città di Fasano di raggiungere i primi posti in termini di presenze.

A tre anni di distanza, siamo ancora ai proclami, le nostre frazioni dimenticate ed abbandonate, sembrano realtà lontane dall’interesse dell’Amministrazione Zaccaria e company, ultimi esempi, non aver mosso un solo dito per permettere ai residenti della collina di continuare a fruire dei seggi elettorali alla Selva, nessun impegno in merito alla viabilità sulla SS 172 dir.

Non dovevano partire lavori di tale portata e per così lungo tempo senza aver predisposto ipotesi alternative di flusso veicolare».

Lascia il tuo commento
commenti