La nota politica

Circoli Nuova Fasano, Maellaro e Scianaro: «Servono urgenti riduzioni di TARI e TOSAP»

Le dichiarazioni del dirigente del movimento politico Circoli Nuova Fasano Vito Maellaro di concerto con il dott. Antonio Scianaro

Politica
Fasano martedì 13 aprile 2021
di La Redazione
Vito Maellaro dirigente del movimento politico Circoli Nuova Fasano
Vito Maellaro dirigente del movimento politico Circoli Nuova Fasano © n.c.

Vito Maellaro dirigente del movimento politico Circoli Nuova Fasano con delega alla parte economico-finanziaria di concerto con il dott. Antonio Scianaro esponente di riferimento in consiglio comunale, esprimono preoccupazione dopo l’esito dell'ultima riunione all’interno del gruppo politico realizzata in streaming, come i tempi impongono, e dopo una lunga riflessione sul tema pandemia e tasse.

«Non si può non ricordare – si legge nella nota dei due esponenti - il lavoro svolto in tutti questi anni dal movimento politico dei CIRCOLI con mozioni ed interrogazioni, nell’invitare l’amministrazione Zaccaria & company, alla riduzione delle TASSE (TARI e TOSAP), e le nostre battaglie sostenute per la riemersione di situazioni sconosciute all’amministrazione, per ridurre il peso della TARI all’intera platea dei contribuenti. A tutt’oggi non sono state prese misure in tale direzione, le nostre mozioni sono state sempre bocciate da Zaccaria & company.

Sarebbe stato utile prima dell’approvazione del bilancio per l’esercizio 2021, rimodulare il contratto per la raccolta dei rifiuti con la GialPlast, atteso che nell’anno 2020 sono state prodotte 1.500 tonnellate in meno di rifiuti rispetto al 2019, ed altrettanto è ragionevolmente prevedibile che accadrà in questo 2021.

Questa lunga pandemia, decretata ormai da oltre un anno e dagli esiti ancora incerti, ha colpito duramente le imprese, in modo particolare quelle del commercio e della ristorazione, che hanno dovuto fare i conti con restrizioni e chiusure, vedendo azzerati i fatturati e in moltissimi casi costrette ad arrendersi con fallimenti o chiusure. Con questo scenario, è necessario fare chiarezza ed intervenire, non si può assistere al totale immobilismo ed indifferenza da parte di questa amministrazione.

Il nostro giudizio è chiaro e netto: servono urgenti riduzioni di TARI e TOSAP, non limitato al solo periodo effettivo di chiusura delle imprese. Lo chiedono con forza tutti gli operatori economici. Occorrono inoltre dilazioni immediate non soltanto per le cartelle 2021, ma anche per quelle del 2020 e degli anni precedenti, che a causa della crisi dovuta all’emergenza COVID non hanno avuto la forza economica per adempiere.

Abbiamo pertanto ritenuto di presentare una mozione nel prossimo consiglio comunale del 16 aprile, che vada nella direzione della riduzione di TARI e TOSAP. È un obbligo morale, per la ratio della norma, oltre che di formale ineccepibilità.

È vero che il comune ha stabilito delle riduzioni, ma solo per le categorie a reddito più basso e a chi ha un ISEE pari a zero euro, ma è anche vero che per le attività citate, ad oggi, non ha previsto assolutamente nulla.

Auspichiamo la riapertura a breve di tutte le attività, ma chiediamo nel contempo per quelle categorie come ristoranti, alberghi, parrucchieri, estetisti, negozi di abbigliamento ecc. obbligati alla chiusura e che non hanno prodotto rifiuti, consistenti riduzioni.

In virtù del principio ispiratore della medesima tassa, vale a dire “chi più inquina più paga”, chi è stato obbligato alla chiusura e non ha prodotto un etto di rifiuti, non deve pagare la controprestazione di un servizio non reso».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • CAB105 ha scritto il 13 aprile 2021 alle 21:12 :

    Dj Bobo AHAHAH Sei un dritto amico! Rispondi a CAB105

  • DJ Bobo ha scritto il 13 aprile 2021 alle 06:25 :

    Bau bau Rispondi a DJ Bobo