Iniziative del Comune

“Giornata mondiale contro la violenza sulle donne”, a teatro per riflettere

Al Sociale “Le due Vergini” di Giovanni Gentile; inoltre workshop, caffè letterario e installazione artistica

Cultura
Fasano mercoledì 14 novembre 2018
di La Redazione
Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne
Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne © n.c.

La Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne è una ricorrenza istituita dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite che ha designato il 25 novembre come data della celebrazione, invitando i governi, le organizzazioni internazionali e le organizzazioni non governative a organizzare attività volte a sensibilizzare l'opinione pubblica in questa data.

«Il Comune di Fasano- dichiara Cinzia Caroli Assessore alle Pari Opportunità - ha pensato di organizzare, grazie alla collaborazione di associazioni e movimenti in difesa delle donne, una serie di appuntamenti. Si parte venerdì 23 novembre alle ore 9.30 con un workshop dal titolo "LiberiAMO la tua voce" in collaborazione con consorzio Cisaf (previsti crediti formativi). Il pomeriggio alle 17.30 presso il Faso Cafè il Centro Italiano Femminile, CIF, organizza un caffè letterario sul tema, intitolato “La dignità di essere donna. Riflessioni e letture tratte dal libro “Sette minuti. Consiglio di fabbrica” di Stefano Massini”.

Inoltre il movimento "Non una di meno" curerà un'installazione artistica nell'androne di Palazzo di Città. La ricorrenzadella giornata internazionale contro la violenza sulle donneculminerà con un appuntamento teatrale domenica 25 novembre alle ore 18, al Teatro Sociale con il lavoro del CTP - Collettivo Teatro Prisma "Le due vergini", scritto e diretto da Giovanni Gentile. Il testo ha ricevuto il Premio Sipario - Autori italiani per la migliore drammaturgia italiana dell’anno 2016. Lo scopo della celebrazione è quello diper ricordare a tutti che il rispetto è alla base di ogni rapporto e che non si può continuare a veder crescere il numero delle donne che subiscono violenza».

“Le due vergini” è un vero e proprio giallo di cui però si conosce già in partenza l’assassino, o meglio l’assassina, accusata di delitto preterintenzionale e in attesa di giudizio. Il pubblico viene preso per mano dall’autore e condotto nella complessità dell’uomo, in quel dipanarsi difficile delle emozioni che fanno di ognuno di noi ciò che appare e che, forse, non è. Un pezzo di teatro senza fronzoli, giochi scenici o effetti speciali: solo un tavolo, due sedie e due attori che tengono il pubblico incollato alla sedia, con lo sguardo fisso sui loro movimenti intorno a quel povero mobilio, alla povera scena ricca però di tumultuose emozioni. La rappresentazione sarà aperta da una danza su musica a tema eseguita dalla Maestra della scuola Nuovo Choreos, Laura Valenziano.

«Alla rappresentazione l’ingresso è libero - ricorda l’assessore Caroli - ma è gradita la prenotazione, che è possibile effettuare dal lunedì al venerdì, dalle ore 10.00 alle ore 13.00, chiamando il numero 333 276 1460».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Gianno Loiacono ha scritto il 25 novembre 2018 alle 01:03 :

    Giornata contro la violenza sulle donne sacrosanta. Ciò che però nessuno dice e io trovo incomprensibile, è che non si parla mai della violenza sugli uomini. Ci sono mariti che senza colpe (non sono violenti, non tradiscono la moglie, sono dediti alla famiglia), si ritrovano, a seguito di una richiesta di separazione/divorzio della consorte, a dover pagare affitto, mutuo, alimenti, assegni vari, etc.; con il risultato che vanno in bancarotta e, oltre al danno la beffa, possono incontrare i propri figli solo una volta alla settimana e qualche weekend. Questa è pura inciviltà. Un fatto gravissimo. Quindi benissimo la giornata contro la violenza sulle donne (ci mancherebbe), ma se e solo se organizzata in concomitanza con la giornata contro la violenza istituzionalizzata sugli uomini. Rispondi a Gianno Loiacono