Organizzato dall’Ordine regionale dei geologi (Org)

Settimana del Pianeta Terra, il terzo appuntamento a Fasano

Tema centrale dell’evento sarà la “Geomorfologia di un territorio in continua evoluzione: tra salvaguardia e fruizione

Cultura
Fasano mercoledì 17 ottobre 2018
di La Redazione
"Geomorfologia di un territorio in continua evoluzione: tra salvaguardia e fruizione" © nc

Si svolgerà venerdì 19 ottobre con inizio alle ore 9.00 presso la sala di rappresentanza del Comune di Fasano la conferenza dal tema: "Geomorfologia di un territorio in continua evoluzione: tra salvaguardia e fruizione". L'incontro rientra tra gli eventi organizzati nell'ambito della Settimana del Pianeta Terra, manifestazione nazionale patrocinata dal Ministero dell'Ambiente, dall'ISPRA e dal Consiglio Nazionale dei Geologi, che quest'anno si svolge dal 14 al 21 ottobre 2018 con eventi programmati in tutte le Regioni Italiane, con l'obiettivo di diffondere la cultura scientifica e quella delle geoscienze in particolare, oltreché il rispetto per l'ambiente e la consapevolezza dei rischi cui siamo esposti.

Si discuterà del notevole patrimonio geomorfologico del territorio locale e del ruolo che lo stesso assume nelle dinamiche di funzionamento ambientale e degli equilibri naturali. Sarà inoltre l'occasione per riflettere sulla difficile convivenza tra il diritto alla fruizione dell'ambiente e il dovere di garantirne la sua salvaguardia.

Dopo i saluti del sindaco di Fasano dott. Francesco Zaccaria e della Dirigente scolastica Maria Stella Carparelli, seguiranno gli interventi del dott. Vincenzo Tanzarella (consigliere Ordine dei Geologi della Puglia) sul rischio idraulico del territorio, del Dott. Gianfranco Ciola (Direttore del Parco Naturale delle Dune Costiere) sulle aree umide retrodunali, del Prof. Giuseppe Mastronuzzi (Dipartimento di Scienze della Terra e Geoambientali - Università di Bari) sull'erosione costiera del territorio locale e infine dell'Avv. Fabiano Amati (consigliere regionale della Puglia) sui rapporti tra obblighi normativi e fruizione ambientale.

Lascia il tuo commento
commenti