Al Teatro Kennedy

Fasano Musica: Sergio Cammariere in un coinvolgente e raffinato concerto

Si è esibito ieri, 14 dicembre, per il secondo appuntamento della stagione concertistica il cantautore e pianista Sergio Cammariere assieme alla sua band

Cultura
Fasano venerdì 15 dicembre 2017
di Marzia Perrini
Sergio Cammeriere in concerto
Sergio Cammeriere in concerto © fasanolive.com

Non deludere le grandi aspettative createsi dopo l'annullamento del concerto di Franco Battiato non era semplice, ma ieri sera, 14 dicembre, il cantautore calabrese Sergio Cammariere ci è riuscito in pieno. L'appuntamento, che si è svolto come di consueto al teatro Kennedy, è stato il secondo del calendario della 35^ stagione concertistica di Fasano Musica.


È stata una serata che ha visto il fondersi del jazz e del cantautorato italiano, insieme al virtuosismo dei musicisti (Amedeo Arriano alla batteria, Luca Bulgarelli al contrabbasso, Daniele Tittarelli al sax soprano e Bruno Marcozzi alle percussioni) compreso lo stesso cantante, famoso anche come pianista.

Il concerto è stato coinvolgente ed intimo, un exursus della sua attività musicale che ha compreso l'esecuzione di pezzi famosi e non, unita all'improvvisazione e arricchita dalla poesia del sax soprano. A partire dall'introduzione solo con il pianoforte, la platea è stata allietata dalle note di "Mano nella mano", "Nessuna è come te", “Le porte del sogno”, “Per ricordarmi di te”, “Tempo perduto”, “Niente”, “Viali di cristallo”. Ma molto emozionanti sono state anche le canzoni con cui ha partecipato al Festival di Sanremo “L’amore non si spiega” (2008) e “Tutto quello che un uomo” (portata nel 2003, vincitrice di due dischi di platino e che ha definito essere quella che più di tutte gli ha cambiato l’esistenza). E tra assoli e armonia tra gli strumenti, in un clima caldo e accogliente, il finale ha compreso “Via dal mare”, “Sorella mia”, “Ferragosto” (scritta con Samuele Bersani) e una molto energica e ironica “Cantautore piccolino”.

Tutti i musicisti hanno portato sul palco una sconvolgente armonia pur nei pezzi molto ritmati, ma soprattutto hanno dato l’impressione di divertirsi molto, costruendo un concerto raffinato e degno di nota. Numerosi applausi hanno concluso l’evento a conferma del gradimento da parte del pubblico di un cantautore semplice pur nella sua sofisticatezza.

Il prossimo appuntamento è il 22 dicembre, non presso il Kennedy ma alla chiesa Matrice, con la Misa Criolla di Ariel Ramirez eseguita dall’ensamble vocale “Incanto armonico”.

Lascia il tuo commento
commenti