In dialogo con Elvira Zaccagnino de “La Meridiana”

Nichi Vendola a Fasano inaugura la terza edizione di “Tempeste”

Martedì 27 luglio alle ore 20 in Largo San Giovanni Battista

Cultura
Fasano domenica 25 luglio 2021
di La Redazione
Nichi Vendola a Fasano inaugura la terza edizione di “Tempeste”
Nichi Vendola a Fasano inaugura la terza edizione di “Tempeste” © n.c.

Si apre con la presentazione del libro di poesie “Patrie” di Nichi Vendola il festival “Tempeste – immagini, suoni e racconti dal Mediterraneo” giunto alla terza edizione e promosso dal Comune di Fasano in collaborazione con numerosi partner attivi nel mondo del volontariato e della promozione della pace.

Una serie di eventi culturali completamente gratuiti e aperti al pubblico per confrontarsi sulla difesa dei diritti e della persona umana attraverso il linguaggio dell’arte (musica, teatro e presentazioni di libri). Un festival che guarda al Mediterraneo, luogo di tempeste, come terra e mare di speranza. Migrazioni, pace, cooperazione internazionale e responsabilità dell’Occidente sono i principali temi che faranno da filo conduttore per tutta la terza edizione. 

Martedì 27 luglio a partire dalle ore 20:00 sul sagrato della chiesa Matrice di Fasano, Nichi Vendola dialogherà con Elvira Zaccagnino direttrice della casa editrice “La meridiana”.

Il nuovissimo libro dell’ex presidente della Regione Puglia, edito da “Il Saggiatore”, racconta il plurale di “Patria” attraverso le poesie: un viaggio internazionale che va da Hebron e Sarajevo, fino alla sua amata Puglia.

«In questi versi c’è tanta parte della mia vita – ha dichiarato l’autore Nichi Vendola -, delle mie esperienze, delle mie lotte, delle mie speranze, delle mie delusioni. Ci sono i luoghi della mia formazione, della mia educazione sentimentale alla vita e alla politica intesa come scoperta del mondo. Ci sono le storie di una lunga e inesausta ribellione contro il pensiero dominante e la sua violenza»

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Maria P. ha scritto il 25 luglio 2021 alle 17:50 :

    Tempeste giudiziarie soprattutto.... Rispondi a Maria P.

    Quintino Sella ha scritto il 27 luglio 2021 alle 06:39 :

    Ma che facce da cucù! L'elenco dei condannati di Forza Italia è lungo quanto da Bolzano a Lampedusa e fate gli onesti con Vendola? Ecco l'ultimo, fresco fresco: Antonio D'Alì, ex senatore ed ex presidente della provincia di Trapani, condannato tre giorni fa in appello a sei anni per concorso esterno in associazione mafiosa, dopo che la Cassazione aveva annullato la precedente assoluzione. E tanti altri ce ne sono, a cominciare dal padrone Silvio Berlusconi, condanna definitiva a 4 anni per frode fiscale nel 2013 (tre indultati e uno in affidamento ai servizi sociali). O siete garantisti solo con gli eterosessuali? Ai miei tempi eravamo irreprensibili proprio perché eravamo di destra. Rispondi a Quintino Sella

    Franco ha scritto il 28 luglio 2021 alle 08:23 :

    Vendola: chi di spada (della Giustizia) ferisce di spada poi può anche ferirsi. Rispondi a Franco

    Franco ha scritto il 28 luglio 2021 alle 06:38 :

    La Legge è uguale per tutti, c'è scritto anche nei Tribunali. Rispondi a Franco

    Franchino ha scritto il 28 luglio 2021 alle 20:22 :

    A morte, a morte! Per i fascisti basta una sentenza di primo grado