Incontri con ospiti d'eccellenza

Il Festival de "Il Libro Possibile" compie vent’anni

Una straordinaria manifestazione culturale che rilancia espandendosi con una nuova location i a Vieste, sul Gargano che si aggiunge a quella storica di Polignano a Mare

Cultura
Fasano giovedì 01 luglio 2021
di La Redazione
il libro possibile 2020
il libro possibile 2020 © n.c.

Compie 20 anni il Festival del Libro possibile una straordinaria manifestazione culturale che rilancia espandendosi con una nuova location il 22, 23, 29 e 30 luglio a Vieste, sul Gargano, che si aggiunge a quella storica di Polignano a Mare dal 7 al 10 luglio 2021.

Il Festival consiste in quattro serate nelle quali nelle principali piazze del centro storico, si susseguono contemporaneamente incontri con ospiti d'eccellenza, quali intellettuali, giornalisti, politici e personaggi dello spettacolo tra dibattiti e riflessioni a confronto.

Il tema della XX edizione sarà ‘Il cielo è sempre più blu’. Un tema che vuole rendere omaggio al cantautore Rino Gaetano a 40 anni dalla scomparsa. Il tema scelto è altresì d'ispirazione per altri di forte interesse attuale: dalla denuncia sociale insita nelle parole del celebre brano, alla questione ambientale nonché alla cultura che rischiara di vivere veri e propri momenti di buio. Le piazze saranno animate da dibattiti sul tema delle donne, confronto sulla parità di genere, attualità, sostenibilità, approfondimenti sul benessere psicologico, legalità. Da sempre, poi, obiettivo del Libro Possibile è raccontare la realtà attraverso ogni ‘linguaggio Possibile’, compreso quello del web e dei suoi protagonisti.

Oltre 200 ospiti si susseguiranno nella XX edizione del Festival che continua a portare avanti la sua missione di valorizzazione del territorio con un’offerta culturale di altissimo profilo, crescita dell’individuo quale parte attiva e consapevole di una della comunità, di incitamento al valore della cultura, del dialogo, del confronto, del lavoro, contribuendo all’indipendenza intellettuale e all’arricchimento spirituale. Gli incontri della XX ed del Festival a Polignano si terranno in Largo Cristoforo Colombo, Piazza Aldo Moro, Piazza San Benedetto, Terrazza dei tuffi. A Vieste, invece, cornice del Festival sarà la storica piazza di Marina Piccola.

Gli ospiti

A rappresentare la letteratura pugliese attuale, le firme più celebri: Gianrico Carofiglio, Mario Desiati, Gabriella Genisi e Nicola Lagioia. Spazio alla musica classica contemporanea con l’apprezzato pianista barese, oltre che fine umanista, Emanuele Arciuli. Sempre in ambito musicale, Ugo Sbisà che,  insieme  al critico  Nicola Gaeta, presenta Alchimia dell’Istante (Auditorium Edizioni). E ancora, grandi nomi del panorama letterario italiano come, Guido Catalano, Erri De Luca, Diego De Silva, Marcello Simoni, Lorenzo Beccati. Esordio tra i romanzieri per il costituzionalista Michele Ainis, che al Libro Possibile presenta Disordini (La Nave di Teseo).

Polignano ospita alte cariche istituzionali dell’attuale governo come il ministro della Salute Roberto Speranza, il ministro del Lavoro Andrea Orlando, il sottosegretario alla Giustizia Francesco Paolo Sisto e il sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Bruno Tabacci, protagonisti di approfondimenti strettamente legati agli argomenti di attualità.

Per le pubblicazioni scientifiche spiccano i nomi di Matteo Bassetti, infettivologo; Giancarlo Logroscino neuro-scienziato pugliese di fama internazionale; Antonio Moschetta professore per la ricerca sul cancro tra i più autorevoli; il premio Asimov e massima esperta di micro-robotica bioispirata Barbara Mazzolai; il chimico G i a n f r a n c o P a c c h i o n i ; i l m a t e m a t i c o A l fi o Q u a r t e r o n i , l ’ e s p e r t o d i r o b o t i c a P a o l o G a l l i n a e l’immunologa Antonella Viola. La XX edizione inaugura anche l’inedita sezione Parole di Scienza, quattro pillole a tema comunicate da esperti de l se t t ore a pa r t i re da u n a pa rol a ch i a v e : Ma s s i m o Trotta (CNR), Sandra Lucente e Donatella Iacono (Università degli Studi di Bari), Giovanni Ciani (Università degli studi di Bari e Istituto nazionale di Fisica Nucleare), Ivana Fuscello (Politecnico di Bari). Si muove tra storia e archeologia l’incontro con Giuliano Volpe, già rettore dell’Università di Foggia, che interviene sul palco insieme all’assessore alla Cultura della Regione Puglia Massimo Bray.

Su ambiente e sostenibilità c’è grande attesa per l’inedita performance tra scienza e jazz di Mario Tozzi ed Enzo Favata, sulla suggestiva ‘Terrazza dei tuffi’ di Polignano, a picco sul mare. Tra gli altri illustri ospiti in materia ‘green’: Nicola Armaroli, scienziato dirigente del CNR; Elena Ioli , fisica teorica autrice di diversi volumi sull’argomento, Marco Cappato con l’ingegnera Annalisa Corrado e Mattia Santori co-fondatore del movimento delle Sardine, Federico Quaranta, conduttore televisivo e radiofonico, da anni impegnato a valorizzare il panorama enogastronomico italiano. Si parla di ‘sostenibilità in blu’, con uno sguardo alle risorse marine e alle sfide dello spazio nel tavolo di approfondimento organizzato in collaborazione con il Distretto Aerospaziale Pugliese, con gli interventi del direttore del DTA Giuseppe Acierno, dell’oceanografa Nadia Pinardi e del presidente del Distretto Autorità di sistema portuale del Mar Ionio Sergio Prete. Rimaniamo in ambito scientifico con il confronto in programma tra Antonio Zoccoli, presidente dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, il rettore dell’Università di Bari Stefano Bronzini e il rettore del Politecnico di Bari Francesco Cupertino.

Solidarietà e diritti umani sono al centro di altri importanti incontri: Amnesty International è presente a Polignano a Mare con il portavoce della sezione italiana Riccardo Noury e la testimonianza di Moni Ovadia; Cecilia Strada, Gabriella Nobile e Gherardo Colombo protagonisti dell’incontro intitolato Il sogno di Resq – la nave che salva vite umane; Carolina e Anita Paolicchi presentano il libro Al cuore della migrazione (Astarte edizioni), i cui proventi sono devoluti a SOS Mediterranee. Focus sulla filosofia al Libro Possibile con il due composto da Andrea Colamedici e Maura Gancitano, fondatori del progetto Tlon.

Riflessioni sul tema delle donne sono affidate a: Annarita Briganti, Aldo Cazzullo, Annalisa Corrado, Giobbe Covatta con la moglie Paola Catella, Marina Di Guardo, Rula Jebreal, Guido Romeo con Emanuela Griglié.

Di attualità parleranno direttori di testata, giornalisti e protagonisti come Marco Billi, Francesca Biagiotti, Francesco Costa, Ferruccio de Bortoli, Mario Calabresi, Antonio Calabrò, Franco Cardini, Francesco Cristino, Giuseppe Cruciani, Domenico De Masi, Giuseppe De Bellis, Michele Santoro, Andrea Scanzi, l’ex magistrato Armando Spataro, Luca Telese, Marco Travaglio, Andrea Vianello, Luciano Violante. Temi della contemporaneità, come quello affrontato dallo psichiatra e sociologo Paolo Crepet, un’analisi dei rapporti personali dopo la ‘tempesta’ della pandemia. Non può mancare l’arte tra gli argomenti del festival, al centro delle lezioni-narrazioni del critico Vittorio Sgarbi.

Non mancano personaggi dello spettacolo e campioni sportivi, con i loro progetti editoriali. È il caso di Joe Bastianich, Victoria Cabello, Salvatore Esposito, Roby Facchinetti, Andrea Montovoli, Rocio Munoz Morales, Sonny Olumati, Rosario Pellecchia, Giuliano Sangiorgi, Giovanni Scifoni, Luca Ward, Rudy Zerbi.

Focus sulla legalità a Vieste, durante le quattro serate in piazza che vedono tra gli ospiti: il magistrato Roberto Scarpinato con il giornalista Lirio Abbate; Marco D’Amore, noto interprete di Gomorra oggi regista e autore; il giovane rapper dal passato difficile, Blind; Salvatore Borsellino. A chiudere il festival nella nuova location, un ritorno molto atteso: Roberto Saviano con il suo ultimo libro, Gridalo (Bompiani Overlook). Il calendario completo è disponibile sul sito ufficiale dell'evento www.libropossibile.com

Il festival “Il libro possibile” nato nel 2001 dall'idea di quattro ragazzi della neocostituita Associazione Culturale Artes che volevano portare i libri per strada, nelle piazze a portata di tutti, con gli anni è cresciuto al punto da essere considerato una delle più riuscite manifestazioni nel panorama culturale italiano con centinaia di ospiti per ogni edizione, eventi esclusivi, grande interesse dei media e interesse del pubblico partecipante. Alcuni importanti nomi delle edizioni passate sono Jonathan Coe, David Leavitt, Roberto Saviano, Gianrico Carofiglio, Sandro Veronesi, Maurizio De Giovanni, Stefano Rodotà, Paolo Mieli, Marco Travaglio, Stefano Benni e tantissimi altri.

Il Libro Possibile non si ferma e quest'anno prosegue la sua ascesa realizzando la manifestazione nel pieno rispetto della normativa vigente in materia di contenimento del contagio Covid. La XX edizione del Libro Possibile è sostenuta dalla Regione Puglia e da Partner istituzionali come il Comune di Polignano a Mare e Comune di Vieste. L’evento è patrocinato dal Ministero della cultura e da CNR, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Politecnico di Bari, Università di Bari, Premio Asimov, Distretto Tecnologico Aeronautico. Media partner: ANSA, Sky Tg24, Gruppo Norba, Twitter Live. I palchi su cui si alterneranno gli ospiti, ben 4 a Polignano e 1 a Vieste, saranno allestiti da sedute di design di grandi brand italiani come Emu Group e Calligaris forniti dallo showroom Angelini Arredamenti di Fasano.

 

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 01 luglio 2021 alle 17:37 :

    Sempre gli stessi che si alternano, un anno si e un anno no. Vorrei capire solo se qualcuno li compra poi i libri. Le statistiche dicono di no. Una kermesse e basta. Rispondi a Franco

    Carlo M. ha scritto il 02 luglio 2021 alle 23:13 :

    Kermesse in francese vuol dire fiera. L'ho imparato leggendo un libro Rispondi a Carlo M.

  • Maria P. ha scritto il 01 luglio 2021 alle 07:58 :

    Sempre più passerella politica, tra l'altro molto (esageratamente) orientata. Rispondi a Maria P.

    Carlo M. ha scritto il 01 luglio 2021 alle 18:36 :

    E purtroppo in Italia essere di destra significa non avere cultura, quindi per forza una manifestazione culturale è politicamemte orientata Rispondi a Carlo M.

    Franco ha scritto il 02 luglio 2021 alle 14:38 :

    Purtroppo in Italia puoi pensarla solo come loro altrimenti sei fuori: ecologia, immigrazionismo e gender. Se non parli di questo non ti invitano. Rispondi a Franco

    Aldrovando Uva Magherini ha scritto il 04 luglio 2021 alle 07:23 :

    È vero, invece dovremmo parlare dei temi cari ai fascisti: come cacciare negri e froci, evadere le tasse, farsi votare dai mafiosi, le torture della polizia, privatizzazione delle coste, abbandono di rifiuti e inquinamento del traffico