La revisione auto

Quando fare la revisione auto?

Le automobili rientrano nei mezzi adibiti al trasporto delle persone e delle cose e sono veicoli che a pieno carico non raggiungono la massa complessiva di 3.5 tonnellate

Contenuti Suggeriti
Fasano sabato 14 marzo 2020
di La Redazione
revisione auto
revisione auto © n.c.

Quando fare la revisione auto?

La normativa di riferimento per la revisione è il Codice della Strada che prevede controlli periodici. Le automobili rientrano nei mezzi adibiti al trasporto delle persone e delle cose e sono veicoli che a pieno carico non raggiungono la massa complessiva di 3.5 tonnellate. Oltre quella soglia si applicano scadenze e modalità diverse per l'effettuazione della revisione. Sul portale dell'automobilista è possibile inserire il tipo di veicolo e la targa per controllare la data di scadenza della revisione. La tabella risultante riporta l'esito dell'ultimo controllo e i chilometri che sono stati rilevati dall'operatore. La revisione oltre ad essere un obbligo di legge è una buona opportunità per verificare il corretto funzionamento di tutti i dispositivi meccanici ed elettronici nonché degli indicatori di direzione e dei fari. Circolare su un mezzo in cattive condizioni può rappresentare un grave rischio per la sicurezza. La spesa non è eccessiva e un centro privato di revisione chiede intorno ai 65-70€. Ovviamente nel caso in cui vi siano pezzi di ricambio da sostituire sarà cura del meccanico consigliare il da farsi. Si può scegliere di sottoporre il mezzo direttamente a revisione oppure effettuare un controllo preventivo per essere certi del buon esito quando si farà la revisione vera e propria.

La differenza tra tagliando e revisione

Molti automobilisti fanno confusione tra due tipologie di controllo che sono entrambe utilissime e necessarie ma profondamente diverse tra loro: tagliando e revisione. Per quanto riguarda il tagliando le case costruttrici forniscono tutte le informazioni necessarie per calendarizzare adeguatamente la manutenzione del veicolo. Ci saranno dunque scadenze precise da rispettare ma in questo caso non vi saranno sanzioni amministrative per i ritardi. Il proprietario tuttavia rischia di perdere l'accesso alle garanzie commerciali previste se non rispetta le raccomandazioni. Il libretto a cui si fa riferimento per il tagliando è quello d'uso e manutenzione del veicolo. La revisione invece è un obbligo e sulla carta di circolazione viene riportato esito e data di scadenza. La revisione può essere effettuata solo nei centri autorizzati con tempistiche e modalità stabilite dal Codice della Strada.

Obblighi burocratici

La macchina nuova appena immatricolata può circolare per 4 anni prima di essere inviata alla revisione. Se per esempio il mezzo è stato immatricolato a marzo la revisione dovrà essere effettuata entro la fine del mese di marzo del quarto anno. Le revisioni successive alla prima dovranno essere ripetute ogni 2 anni. Su segnalazione delle istituzioni di polizia a seguito di grave incidente o per legittimi motivi che fanno dubitare gli enti d'ispezione sull'effettivo mantenimento dei requisiti di sicurezza, la Motorizzazione Civile può richiamare a revisione anticipata qualunque mezzo. Non osservando le leggi sulla revisione e non effettuando i controlli nei tempi previsti si incorre in multe anche abbastanza salate. L'organo di polizia che contesta la violazione impone all'automobilista di recarsi all'officina per effettuare la revisione. Si potrà dunque guidare il mezzo solo per andare a rinnovare la revisione, muniti di prenotazione recante data e orario dell'appuntamento. In caso di una nuova contestazione si rischia una multa ancora più alta, il fermo del veicolo e la sospensione della carta di circolazione.

A chi rivolgersi

Un'alternativa che non tutti conoscono è la presentazione diretta presso gli uffici della Motorizzazione civile. Si devono presentare:

- bollettino di avvenuto pagamento di 45€ sul conto corrente del dipartimento dei trasporti;

- domanda compilata su un modello disponibile online (TT2120);

- prenotazione revisione;

- libretto di circolazione nel formato originale.

Gli automobilisti prediligono quasi sempre il ricorso all'officina, che tuttavia deve rientrare tra quelle autorizzate. In officina oltre ai 45€ ci sarà da pagare l'IVA al 22% per un totale di 9.90€ e 10.78€ per i servizi e le pratiche automobilistiche.

Quali sono i controlli

I requisiti per le autovetture sono abbastanza stringenti e comprendono verifiche sia sui dispositivi che tendono a deteriorarsi sia su quelli che riguardano la sicurezza. Il numero di telaio deve essere leggibile e ovviamente deve coincidere con quello che è indicato nel libretto. Viene verificato il funzionamento e la presenza di:

- cinture di sicurezza anteriori e posteriori;

- avvisatore acustico;

- triangolo;

- ruota di scorta;

- tutti i fari e le frecce direzionali.

I cristalli e gli specchietti retrovisori non devono presentare crepe e non ci devono essere ammaccature eccessive sulla parte strutturale del mezzo. I gas di scarico devono rientrare rigorosamente nei parametri previsti e viene fatto un controllo specifico con un apposito strumento di misurazione. Pneumatici e cerchi devono rispettare le misure previste sulla carta di circolazione nonché essere in buone condizioni. Il mezzo non deve perdere né olio né altri liquidi.

Cosa succede se l'auto non supera la revisione

Qualora l'esito della revisione risulti negativo si può comunque ripetere l'operazione. C'è un mese di tempo per regolarizzare il veicolo e per ovviare a tutte le criticità presentate. Dopo aver sottoposto nuovamente a revisione il mezzo e perdurando l'esito negativo occorrerà ripararlo adeguatamente e iniziare da capo la procedura.

Per chi è alla ricerca di ancora maggiori approfondimenti sul tema della revisione dell’auto, sul sito di Oponeo.it è presente una approfondita guida a questo indirizzo
https://www.oponeo.it/articoli/revisione-dell-auto . Questo negozio online specializzato nella vendita di pneumatici e accessori per automobili e motociclette, offre uno dei più vasti cataloghi di prodotti in Italia.
Con pochi click, si ha la possibilità di acquistare gli pneumatici desiderati e farseli spedire a casa.


Lascia il tuo commento
commenti