Matrimoni ben riusciti

Cigar House: il connubio perfetto fra sigari e rhum

Quello fra rhum e sigaro è un matrimonio ormai consolidato. Le immagini che si affacciano alla mente sono quelle di Cuba, Ernest Hemingway, La Boteguita del Medio…Vitantonio Di Bari ci introduce in questo mondo appassionante.

Contenuti Suggeriti
Fasano lunedì 12 novembre 2018
di Vitantonio Di Bari, Di Bari Tabacchi Cigar House
Anejados, Montecristo
Anejados, Montecristo © Montecristo

Da bevanda per schiavi e pirati a distillato per intenditori, il rhum ha una storia lunga e affascinante alle spalle e soprattutto caratteristiche sensoriali precise. L’ alleato ideale per allungare ed esaltare al massimo il piacere di una “fumata lenta”.

Degustare un rhum è un’esperienza coinvolgente. Tutti isensi vengono travolti da una lunga sensazione di appagamento.Diversamente dalla degustazione del vino, per il suo elevato contenuto alcolico il rum va annusato delicatamente, degustato lentamente. Questo perché la parte tannica dovuta al legno in soluzione nell'alcol è altissima. Per poter permettere a un distillato di riaprirsi a nuova vita occorre farlo riposare. Solo così potrà risvegliarsi e diventare avvolgente.

La collaborazione dei Maestri Roneros de Santiago de Cuba e Master Blander della Casa del Habano, ha dato ai cultori del Sigaro Cubano un suo Ron Extra Añejo: il Ron Santiago de Cuba Extra Añejo di 12 años.Prodotto nella prima e più antica fabbrica di Ron Cubano, risalente al 1862, è invecchiato sotto il controllo scrupoloso degli esperti roneros. Il calore e l’umidità dei tropici accelerano naturalmente l’evaporazione dell’alcool e la fusione con le sostanze legnose. Secco ma morbido presenta un aroma ricco e fruttato con note di ciliegia, vaniglia, cocco: una sintesi aromatica studiata per i fumatori del Sigaro Cubano.

Fra i rhum selezionati e imperdibili per appassionati e curiosi dell’argomento,meritano una particolare menzione il Ron Cubay Carta Blanca Extra Viejo14 años e il suo fratello maggiore, il Ron Cubay Extra Añejo 1870 18 años . Il primo, dal colore ambrato chiaro e dalla perfetta brillantezza e trasparenza, è morbido al naso, fruttato e molto complesso.

Il Ron Cubay Extra Añejo 1870 18 años presenta un aroma intenso e persistente con note sottili di legno che si completano di aromi freschi e fruttati. In bocca è morbido, consistente e delicato. Con un finale lungo e persistente, che presenta tutta la forza e la complessità dei sapori originali della melassa.

Rum di questo calibro non possono che accompagnarsi a sigari di altrettanto elevato lignaggio. E così la mente corre corre verso due dei marchi più prestigiosi del mondo Habanos: i sigari proposti sono infatti un Montecristo, il Churchill Anejado e il Romeo y Julieta Piràmide Anejado .

Il Churchill Anejado di Montecristo offre un esordio tonico ma garbato, privo delle tipiche spigolosità giovanili. La palette aromatica si orienta verso note di legni nobili, vaniglia e spezie di grande eleganza; la forza si mantiene su un livello medio mentre al procedere della fumata il fondo leggermente dry tende ad addolcirsi. Lussureggiante l’ultimo terzo che esprime, in rapida sequenza, dense note di cacao, caffè e nocciola fuse a rarefatti echi di liquirizia.

Il Piràmide Anejado di Romeo y Julieta non è da meno con una palette estremamente equilibrata. La forza che si attesta su livelli di intensità medio-leggera ed un mirabile bilanciamento complessivo consentono la sublimazione delle delicate sfumature floreali e speziate, di erbe aromatiche e frutta matura.

Insomma un settore, quello dei rhum e dei sigari, dalle mille sfaccettature che, oggi come ieri, continua a conquistare ed affascinare.

Ricordiamoci sempre però che la moderazione è tutto.

Con questo articolo non si intende sponsorizzare alcuna casa produttrice ed alcun marchio. Ricordiamo inoltre che il fumo danneggia la salute e l’alcool va moderato, soprattutto quando ci si mette alla guida. Quindi si alla degustazione, no agli abusi.

Lascia il tuo commento
commenti