In attesa del nuovo sindaco

“Salotto Bella Napoli”, storie di politica e sentimento civico di una città in divenire: Fasano

Il 4 ottobre ha preso vita per la seconda volta l’evento promosso dal CiaiaLab – Laboratorio Urbano di Fasano organizzato in collaborazione con Radio Diaconia e con la partnership del Parco Culturale Gruppo Fortis

Contenuti Suggeriti
Fasano giovedì 14 ottobre 2021
di La Redazione
“Salotto Bella Napoli” 2021
“Salotto Bella Napoli” 2021 © n.c.

Il 4 ottobre ha preso vita, per la seconda volta, "Salotto Bella Napoli", l’evento promosso dal CiaiaLab – Laboratorio Urbano di Fasano, nell’ambito del progetto Spazi di Prossimità, organizzato in collaborazione con Radio Diaconia e con la partnership del Parco Culturale Gruppo Fortis. L’iniziativa, così come già successo nel 2016, ha seguito minuto per minuto lo spoglio delle schede elettorali fino a conoscere il nome dei nuovi rappresentanti della città di Fasano.

Il Salotto Bella Napoli che si è svolto in Piazza Ciaia, a Fasano, davanti al Bar storico "Bella Napoli" di Donato Pistola, è nato per condividere insieme alla città un momento di approfondimento non solo politico, ma anche sociale.

L'evento partito alle ore 16 e durato fino all'alba, ha permesso di entrare in contatto con esponenti del mondo politico spiegando cosa significa fare politica e vivere la città. Un po’ personaggi e un po’ persone, che coi loro racconti hanno fatto sorridere e riflettere, hanno condiviso sensazioni, come pathos e trepidazione, con il pubblico presente in Piazza e quello a casa che seguiva la diretta su diversi portali messi a disposizione tra cui il sito eventi.ciaialab.it.

C'erano i presentatori di Radio Diaconia ed ospiti che andavano e venivano per tutta la notte, tutti con l'obiettivo comune di conoscere il responso finale. Eppure dietro ad una diretta che ha intrattenuto per oltre 7 ore, sino allo spoglio completo delle schede elettorali, c'erano racconti e storie che pian piano prendevano forma e spazio, facendoci riflettere, soprattutto.

C'era Enrico (Intermite) - candidato nella lista CivicaMente Fasano e volontario nell'Associazione animalista Quattrozampe nel cuore - che ha dato vita ad un racconto i cui protagonisti erano gli animali. Ha raccontato della lotta al randagismo e all'abbandono dei cani, una realtà che la città di Fasano conosce bene; del canile comunale e del canile rifugio, entrambi progetti conclusi e realizzati. Delle adozioni, della possibilità di regalare - seppur per poco tempo - una casa ad un cane anziano che, nella sua vita, ha conosciuto solo la gabbia del canile. All'idea progettuale di realizzare un cimitero per animali, col fine di ricordare nel tempo il loro affetto e la loro compagnia.

C'era Vittorio (Saponaro) - Pres. del Consiglio Comunale uscente e candidato nella lista CivicaMente Fasano - che ci ha proiettati nel passato e poi nel futuro, approfondendo il concetto di cambio generazionale, di giovani e di meritocrazia. Di donne preparate e appassionate alla politica, di laureati e meritevoli che si affacciano al mondo del lavoro già pronti a cominciare ad impegnarsi attivamente per il loro Paese.

Donato (Marino) - Consigliere Comunale uscente e candidato nella lista CivicaMente Fasano - ha "scomodato" in quel salotto, riflessioni di una certa sensibilità filosofica: cosa significa idea di paese e perché abbiamo la necessità di averne una comune? E ancora quale differenza c'è tra gestione dell'ordinario e dello straordinario? Come uscire dal provincialismo quando la città di Fasano progetta la cultura?

Sul palcoscenico, insomma, sono saliti personaggi pubblici, ma soprattutto persone che, coi loro valori e le loro osservazioni, hanno portato aneddoti e storie di vita politica vissuta. Ma ancora, in quel "salotto" c'erano gli invisibili senza i quali il salotto non si sarebbe realizzato; Giuseppe Angelini, imprenditore e proprietario dello showroom Angelini Arredamenti, che ha contribuito al progetto mettendo a disposizione il "salotto" vero e proprio con i suoi allestimenti firmati Emu; gli addetti ai lavori che hanno consentito la trasmissione anche online dell'evento, in particolare gli addetti al service tecnico con le loro apparecchiature come luci, audio e video.

Alle prime luci dell'alba l'obiettivo dell'evento stava per essere raggiunto: conoscere il nome del primo cittadino di Fasano. Francesco Zaccaria, sindaco uscendo e nuovamente rieletto dalla città è stato così l'ultimo ospite del Salotto Bella Napoli, che tra ringraziamenti alla città votante, ha spento i suoi microfoni, luci e omaggiato con un inchino la città di Fasano.

Lascia il tuo commento
commenti