Presso lo spaccio aziendale all’interno dell’azienda Gioioso Ittic

Il gesto solidale dell’azienda “Gioioso ittica”: vendita pesce social popolare

A partire dal 20 novembre 2020 l'azienda Gioioso ittica, ogni venerdì e sabato mattina dalle 9:00 alle 13:00, metterà a disposizione dei cittadini il pesce a prezzo di costo

Attualità
Fasano sabato 21 novembre 2020
di La Redazione
Gioioso ittica
Gioioso ittica © n.c.

A partire dal 20 novembre 2020 l'azienda Gioioso ittica, ogni venerdì e sabato mattina dalle 9:00 alle 13:00, metterà a disposizione dei cittadini il pesce a prezzo di costo. Basterà recarsi presso lo spaccio aziendale all’interno dell’azienda Gioioso Ittica, sita in Zona Industriale Sud di Fasano, Via Francesco dell’Anno snc.

Abbiamo incontrato Mario Gioioso e gli abbiamo domandato la motivazione di questa vendita eccezionale di pesce di qualità a prezzi superscontati, la sua risposta è una lezione di vita: «Siamo una famiglia che da generazioni è nel mondo del pesce, mio nonno era pescatore, mentre oggi la nostra azienda è fra le più importanti al sud nel mondo dell'ittica. Se siamo diventati grandi è grazie ai nostri clienti, grazie ai cittadini, quelle persone semplici, che spesso fanno fatica a permettersi il pesce in tavola. In questo difficile momento è nostro dovere essere dalla loro parte, specialmente dei più deboli. Il pesce è fondamentale nella dieta e una sua carenza può causare problemi di salute. I cittadini ci hanno fatto crescere, è nostro preciso dovere rendere a loro quello che ci hanno donato negli anni: 'fiducia e generosa fedeltà'. Non mancherà il pesce sulla vostra tavola, venite da noi e pagate il puro prezzo di costo».

Mario Gioioso è un imprenditore 'giovane, figlio d'arte', con la passione per tutto ciò che ha valore sociale, ultimamente animatore di una Aggregazione politica che ha chiamato 'Liberetico'.

«I soldi non sono tutto - ci ha detto Mario Gioioso, - l'idea di permettere alle famiglie di avere il pesce a prezzo di costo, rende felici e fieri, perché i clienti sono il fondamento del nostro lavoro, e oggi che il covid ha messo tutti in difficoltà, stare al loro fianco, è un dovere civico».

Lascia il tuo commento
commenti