Direzione artistica dell’Associazione “Fatto in Bottega”

Social contest per la 49a Mostra Fasanese dell’Artigianato

Scatta, condividi e vinci una creazione unica

Attualità
Fasano sabato 17 agosto 2019
di La Redazione
Social contest per la 49a Mostra Fasanese dell’Artigianato
Social contest per la 49a Mostra Fasanese dell’Artigianato © n.c.

La 49a edizione della Mostra Fasanese dell’Artigianato, promossa dall’Assessorato alle Attività Produttive del Comune di Fasano con la direzione artistica a cura dell’associazione “Fatto in Bottega”, ha aperto il contest “La tua MFA2019”. Il regolamento è semplice: i visitatori potranno scattare delle fotografie e condividerle sui propri profili Facebook e Instagram aggiungendo gli hashtag #MFA2019 e #fattoinbottega, taggando le pagine ufficiali della Mostra (Facebook: Mostra Fasanese dell’Artigianato; Instagram: mostrafasanese_artigianato). Le tre foto più belle saranno premiate con creazioni uniche realizzate dai giovani artigiani di “Fatto in Bottega” e i vincitori saranno invitati alla cerimonia di chiusura della manifestazione, in programma per sabato 24 agosto.

L’Associazione organizzatrice, presieduta da Vito Olive, ha realizzato un’esposizione che ha al centro l’artigiano e il suo lavoro, non un lavoro antico e dimenticato, ma attuale e capace di rinnovarsi.Attraverso la creazione di spazi espositivi condivisi e fluidi, ha avvicinato giovani artigiani e attività storiche, puntando alla valorizzazione delle singole produzioni e al racconto dell’evoluzione nel settore, contestualizzando al tempo stesso i prodotti in ambientazioni che potessero raccontare la tradizione e l’abitare contemporaneo.

Il sodalizio di Fatto in Bottega è nato dalla voglia di sperimentare una collaborazione capace di valorizzare le produzioni di ogni membro attraverso la realizzazione, la promozione e la diffusione di progetti, di attività e di iniziative culturali legate all’arte, all’artigianato e al design. La sinergia tra le diverse professionalità permette di realizzare arredi e complementi unici, fatti a mano con lavorazioni artigianali dalla raffinata qualità̀ tecnica ed estetica. Esempio è la parete modulare ad aggancio rapido realizzata proprio per la Mostra, un disegno unico interpretato in cinque diverse lavorazioni dai componenti dell’Associazione: le luminarie di “Luminarie di Arredo” di Nicola e Donato Neglia, il rame e l’ottone di “OliveArte in Rame” di Vito Olive, il legno di ulivo de “I Lumi del Faso” di Sante Musa, la seta dipinta a mano da “Ja Ja Né” - Jasmine Neglia, la maiolica di “Maioliche Pugliese” di Vito Pugliese. Art director del progetto e di questa edizione della Mostra Fasanese dell’Artigianato è Valentina De Carolis (product, graphic, exhibit, outdoor, interior design).

Questa e tante altre creazioni sono esposte a Palazzo dei Congressi, location che ospita anche due mostre collaterali. Si tratta di “Modulor o Algoritmo?”, mostra itinerante a cura di Cintya Concari e Roberto Marcatti, promossa da Kubico con il patrocinio di ADI Puglia e Basilicata e del Comune di Fasano. A settant’anni dalla prima edizione del Modulor di Le Corbusier, i curatori ripropongono in Puglia il celebre profilo del canone proporzionale del Modernismo, riprodotto con materiali industriali di risulta grazie alle tecnologie contemporanee. La mostra presenta una serie di profili del Modulor in Corian® rivisitati da Leuccio Surdo e rielaborati da designer e artisti.

Sono inoltre esposti gli elaborati creati durante il workshop FoodD. RITI FORME PROGETTI CON E PER IL CIBO tenutosi a marzo scorso al Politecnico di Bari con la direzione scientifica di Annalisa Di Roma e Lorenzo Netti, docenti del Poliba Bari, e i referenti IDE International Design Expedition Mathilde Bretillot, presidente dell'associazione, e l’architetto Pierangelo Caramia, Direzione Creativa di IDE to Puglia. I tre designer internazionali Marta Bakowski, Lili Gayman e Sarnsang na Sootorn hanno curato il workshop lavorando con gli studenti del Corso di Laurea in Disegno Industriale. Gli elaborati sono stati realizzati con la collaborazione della Bottega Vestita di Grottaglie. Il workshop ha rappresentato la prima tappa del progetto “Ceramics & Food”, organizzato da IDE International Design Expedition, che ha firmato un protocollo d’intesa con il Comune di Fasano. La seconda tappa del progetto ha previsto una “spedizione” della durata di due mesi, conclusasi lo scorso 3 agosto, che ha coinvolto aziende del settore ceramico e food operanti sul territorio, e designer internazionali, con l’obiettivo di produrre e commercializzare nuovi prodotti adatti alla vendita su mercati, anche esteri, selezionati da IDE.

La manifestazione è caratterizzata da un ricco calendario di eventi, tra cui: i “Laboratori didattici dell’Artigianato Fasanese” (gratuiti) promossi quotidianamente dalla locale Università del Tempo Libero, presieduta da Palmina Cannone, e i workshop con alcuni dei professionisti-espositori (“Gioielli di carta”, con Mariachiara Legrottaglie; “Oggetti liquidi” con Pino Giacovelli di Incredix GoodLab; “Xylografia” con Mariantonietta Palasciano). Tutte i dettagli sono disponibili sulle pagine Facebook e Instagram della Mostra; o scrivendo a fattoinbottega@gmail.com.

La Mostra Fasanese dell’Artigianato 2019, ad ingresso libero, resterà aperta fino a domenica 25 agosto e seguirà i seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle 18,00 alle 23,00; sabato dalle 18,00 alle 24,00; domenica e festivi dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 18,00 alle 23,00.

Tutti i partecipanti dell’edizione 2019: Vito Capozza (scultore); Natalia Carere (architetto); Ida Chiatante (fashion designer) ; DAF Costruzioni (lavorazioni in resina e malte); Mario D’Aquino (designer); Anna Dibello e Gianni Giannoccaro - Giùinlab (ceramisti); Angela D’Urso (pittrice); Mario Ferrarelli - Terra Building (lavorazione cocciopesto, canapa e terra); Adelaide Forcella (lavorazione del vetro); Forma D’Arte di Ippolito Donato (soluzioni d’arredo interni esterni); Galeota Claudio e Leonardo Vinci (archietto e lavorazioni malte ecologiche); Vincenza Giannoccaro (pittrice); Roberta Ieva e Giuseppe Scarpa (architetti); Pino Giacovelli - Incredix Goodlab (designer-maker); ISA Artigiane - Impresa Sostenibile di Artigiane; Antonio La Grotta (ceramista); Mariachiara Legrottaglie (orafo); M.A.F. Mobili Arredamenti Fasanesi Srl; Leonardo Malvoni (caminetti); Caterina Marini (fashion designer); Sara Mondaini (designer); Piero Monitillo (design research - ADI Member); Giovanni Nistri (pittore); Luca Paolo Vasa e Francesco Di Luzio - Noii Studio (designer); Daniele Olive (lavorazione marmi e mosaici); Mariantonietta Clotilde Palasciano (Grafica ed editoria d’arte); Paola Pellegrini (designer); Antonio Pellegrino (architetto); Luigi De Palma e Martino Pinto (architetti); Ilaria Potenza (pittrice); Vittoria Olive - Pugliaddosso; Bartolomeo Putignano (falegname); Pietro Rosati - Resto in Puglia (orafo); Giuliano Ricciardi (designer); Stefania Semeraro (stilista); Salvatore Spaltro (designer); Trackdesign (arredamenti in corten); Vetreria Fasanese (vetrate artistiche); Olivieri Ceramiche e Alessio Zanzarella architetto (lavorazione lastre grande formato). Per la categoria hobbiste saranno presenti: Marisa Bungaro (Filet); Rosa Panaro (bambole); Giuliana Trapani (oggettistica), Isabella Pezzolla (Filet). La Mostra si avvale anche del contributo e della presenza dell’Università del Tempo Libero “San Francesco d’Assisi”, Associazione Pro Selva, ADI Associazione per il Disegno Industriale, IDE International Design Expedition, Istituto Professionale Industria e Artigianato “Ferraris” - Fasano; con la collaborazione di Antichi Vivai Aversa s.r.l. Soc. Agr.

Lascia il tuo commento
commenti