I volontari Giovani del Comitato CRI di Fasano

Svolta l’attività della CRI “ABC” di sensibilizzazione sulle malattie sessualmente trasmissibili

Un’iniziativa rivolta soprattutto alla fascia giovanile e in particolar modo a quei ragazzi e ragazze che si affacciano da poco alla vita sessuale

Attualità
Fasano domenica 12 maggio 2019
di La Redazione
attività della CRI “ABC” di sensibilizzazione sulle malattie sessualmente trasmissibili
attività della CRI “ABC” di sensibilizzazione sulle malattie sessualmente trasmissibili © n.c.

Croce Rossa Italiana ancora una volta in prima linea per sensibilizzare e prevenire attraverso le proprie attività. Quella di venerdì 10 maggio, è stata un’iniziativa rivolta soprattutto alla fascia giovanile e in particolar modo a quei ragazzi e ragazze che si affacciano da poco alla vita sessuale. “ABC”, infatti, è stata l’attività di sensibilizzazione nata per far conoscere quelli che sono i rischi che si potrebbero contrarre da un rapporto sessuale non protetto.

I diversi volontari Giovani del Comitato CRI di Fasano, tra cui Operatori Salute appositamente formati sul tema, hanno così potuto sensibilizzare la popolazione sui temi dell'AIDS e delle altre malattie sessualmente trasmissibili, informando sull'uso dei contraccettivi e sull'importanza di effettuare test HIV, spesso gratuiti in molte strutture sanitarie pubbliche.

L'attività si è svolta attraverso varie postazioni, tra cui una "ruota del rischio", una "scatola delle emozioni" e una intervista doppia. Nella prima, il partecipante dopo aver girato una ruota con su delle frasi che rappresentano potenziali rischi, è stato chiamato a dire se l'evento rappresentato sia o no un rischio, motivando la risposta. Nella Scatola delle emozioni, invece, il partecipante, dopo esser stato bendato, è stato guidato in ogni ciascuna delle 4 sezioni della scatola, andando alla scoperta delle diverse sensazioni. Scopo della postazione: capire l'importanza dell’avere rapporti sessuali protetti. Infine, i giovani si sono potuti cimentare in una simpatica “Intervista Doppia” dove i due partecipanti hanno risposto ad alcuni quesiti “vero o falso” motivandoli; l’obiettivo è stato quello di informare sui metodi contraccettivi, sottolineare l'importanza del preservativo non solo come contraccettivo ma anche come unico mezzo di protezione dalle MST ed educare a comportamenti corretti nell'ambito delle malattie sessualmente trasmissibili

Gadget della serata è stato il Preservativo, distribuito alla fine del percorso come “promemoria” all’utilizzo consapevole dello stesso.

Lascia il tuo commento
commenti