Il Direttore del Parco Dott. Ing. Arch. Angela Milone comunica

Parco Dune Costiere, conferenza Zoom aperta a tutti per la chiusura del progetto LASPEH

Il progetto LASPEH ha avuto come obiettivo quello di preservare la biodiversità e di rafforzare gli ecosistemi

Attualità
Fasano venerdì 09 aprile 2021
di La Redazione
Parco Dune Costiere
Parco Dune Costiere © n.c.

Il Direttore del Parco Dott. Ing. Arch. Angela Milone comunica che per la conclusione del progetto LASPEH ci sarà la conferenza finale aperta a tutti su Piattaforma Zoom per il giorno 12 aprile 2021 a cui lo stesso Direttore prenderà parte.

Obiettivi del Progetto:

Salvaguardia della biodiversità nel bacino del Basso Adriatico: Seminario finale del progetto LASPEH, “Low Adriatic Species and Habitat”, finanziato dal Programma INTERREG IPA CBC Italia-Albania-Montenegro 2014/2020,

La conferenza finale del progetto LASPEH - “Low Adriatic Species and Habitat”, finanziato per circa 500.000€ dal Programma INTERREG IPA CBC Italia-Albania Montenegro 2014-2020, si terrà lunedì 12 aprile 2021 dalle ore 11:00 alle ore 13:00 sulla piattaforma Zoom. Sarà disponibile la traduzione simultanea inglese-italiano. L’evento è aperto a tutta la comunità, previa registrazione, utilizzando il seguente link https://us02web.zoom.us/webinar/register/WN_IoU4UZWfS6aiktRpr5eMRQ.

Il Consorzio di Gestione del Parco Naturale Regionale "Dune Costiere da Torre Canne a Torre S. Leonardo" è capofila del progetto LASPEH, che coinvolge, sul lato albanese l’Agenzia Nazionale per le Aree Protette, sul lato montenegrino l’Impresa Pubblica “Parchi Nazionali del Montenegro” e, infine, i partner italiani Ente di Gestione delle Riserve Naturali Regionali Orientate del Litorale Tarantino Orientale, Comune di Ugento e Comune di Guardiaregia

Il progetto LASPEH, finanziato nell’ambito dell’Asse Prioritario 3 (Protezione dell’ambiente, gestione del rischio e strategie per ridurre le emissioni di carbonio) del Programma INTERREG IPA CBC Italia-Albania-Montenegro 2014/2020, ha avuto come obiettivo quello di preservare la biodiversità e di rafforzare gli ecosistemi dando loro spazio per sviluppare tutte le loro funzioni e reagire in modo flessibile ai cambiamenti climatici ed agli effetti umani. Per questi motivi quattro organi di gestione di parchi e Aree Protette in Italia, tre situati in Puglia ed uno in Molise, ed entrambe le agenzie nazionali per la gestione dei Parchi Nazionali di Albania e Montenegro, hanno attuato insieme un’azione comune per promuovere e sostenere la biodiversità, salvaguardando e sviluppando piani di gestione comuni per l’habitat e l’ecosistema transfrontaliero.

Le azioni concrete implementate, che saranno presentate nel corso del Seminario, hanno come obiettivo la tutela e la valorizzazione di tre specie e tre habitat molto importanti per il loro valore ecologico, per le preoccupazioni legate all’estinzione e per gli aspetti endemici nel bacino del Basso Adriatico. Le tre specie e le rispettive aree pilota sono: tetrao urogallus (Parco Nazionale Mali Tomorrit in Albania), botaurus stellaris (Riserve Naturali Regionali della Costa Orientale di Taranto in Puglia) e aythya nyroca (Parco Naturale Regionale del Litorale di Ugento in Salento). I tre habitat/aree pilota, invece, sono: pseudo steppa con erbe e annuali di thero-brachypodietea (Parco Naturale Regionale delle Dune Costiere da Torre Canne a Torre San Leonardo in Puglia), tilio-acerlon foreste di pendii, ghiaioni e gole (Oasi WWF di Guardiaregia-Campochiaro in Molise) e macedoni pinus peuce (Parco Nazionale di Lovcen in Montenegro). Per ogni specie e habitat individuati, i partner hanno sviluppato diverse attività specifiche con progetti pilota, pianificando insieme linee guida comuni e transfrontaliere per la gestione delle stesse nei territori coinvolti.

Grazie alla presenza del Dott. Mauro Novello, Coordinatore del Segretariato Congiunto, e del Dott. Davide Marcianò, Project Officer del Programma INTERREG IPA CBC Italy-Albania-Montenegro 2014/2020, il Seminario sarà un’occasione di confronto sul futuro della Cooperazione. 

Oltre ai Legali Rappresentanti, Dirigenti e tecnici di ciascun partner, parteciperanno al Seminario finale gli studenti degli istituti scolastici coinvolti nelle attività progettuali dall’Ente Parco ovvero l’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore “G. Salvemini” di Fasano, Preside Maria Convertino, e l’Istituto Tecnico “Pantanelli-Monnet” di Ostuni, Preside Liliana Angela Savino.

 

Lascia il tuo commento
commenti