Lo comunica il sindaco

È partita oggi a Fasano la campagna di vaccinazione della Asl per il personale scolastico

«La vaccinazione degli insegnanti è un altro tassello importante nella lotta contro in virus, insieme a quella degli over 80 che è già partita nei giorni scorsi», dichiara il sindaco Zaccaria

Attualità
Fasano domenica 21 febbraio 2021
di La Redazione
la campagna di vaccinazione della Asl di Brindisi per il personale scolastico
la campagna di vaccinazione della Asl di Brindisi per il personale scolastico © facebook fan page [Francesco Zaccaria]

«Oggi è una domenica di speranza: da stamattina è partita la campagna di vaccinazione della Asl di Brindisi per il personale scolastico».

A dichiararlo è il sindaco di Fasano Francesco Zaccaria.

«A Fasano si è cominciato alle 9 nella sede del Presidio Territoriale di Assistenza: in totale saranno vaccinate 279 persone, tra docenti e altri operatori, delle scuole Collodi e Galilei.

Nel Pta di Fasano sono stati predisposti percorsi con apposita segnaletica per garantire la totale sicurezza e saranno a disposizione degli utenti 3 postazioni con 8 operatori sanitari.

Le vaccinazioni del personale scolastico proseguiranno ogni giorno e da martedì si aggiungeranno quelle dei rappresentanti delle Forze dell’Ordine: per entrambe le categorie è utilizzato il vaccino AstraZeneca.

La vaccinazione degli insegnanti è un altro tassello importante nella lotta contro in virus, insieme a quella degli over 80 che è già partita nei giorni scorsi.

La scuola e le famiglie in questo periodo sono chiamate a sacrifici impegnativi, ma non dobbiamo scoraggiarci.

Il vaccino è l’arma che ci potrà consentire di uscire da questa situazione nel più breve tempo possibile. È la luce in fondo al tunnel che ci fa credere con forza nella scienza: i dati sulle vaccinazioni che provengono da Israele e dalla Gran Bretagna, dove la campagna è già a buon punto, ci invitano ad essere fiduciosi.

Per questo ora più che mai è importante rispettare le regole per non vanificare tutti gli sforzi fatti fino ad oggi, nella paziente attesa del nostro turno per la vaccinazione».

Lascia il tuo commento
commenti