Progetto Lettura

Il sindaco pescatore, un esempio per i nostri ragazzi

Il libro di Dario Vassallo è stato presentato agli studenti della scuola secondaria di primo grado “Bianco – Pascoli”.

Attualità
Fasano mercoledì 25 maggio 2016
di Madia Marzolla
il sindaco pescatore
il sindaco pescatore © Madia Marzolla

Ieri, martedì 24 maggio, presso il Teatro Sociale di Fasano, gli alunni delle seconde classi della scuola secondaria di primo livello “Bianco – Pascoli” hanno partecipato alla presentazione del libro “Il sindaco pescatore” di Dario Vassallo.
L’autore del libro, per problemi lavorativi, non ha potuto presenziare, ma con la collaborazione di Vito Alò, dell’Associazione culturale Le Nove Muse, ha registrato 3 video messaggi che i ragazzi hanno ascoltato con attenzione.  Dario ha raccontato agli studenti che Angelo Vassallo (suo fratello) era il sindaco di Pollica, una cittadina nel salernitano. Il suo sogno era di fare della città un luogo pulito, felice e soprattutto libero dalla criminalità. Per questo il 5 settembre 2010 fu ucciso. Prima della sua morte il sindaco pescatore, così come lo ricordano i suoi concittadini, aveva denunciato la poca collaborazione che le istituzioni avevano dimostrato nella lotta alla camorra e all’illegalità. «Si è sentito abbandonato dallo Stato» ha detto l’autore del libro.
Ulteriore testimonianza di quanto importante sia combattere la criminalità, l’avvocato Giusy Santomanco, della Fondazione Angelo Vassallo che ha raccontato di come, la tragica uccisione del sindaco di Pollica ha portato alla nascita di una rete di associazioni che diffondono la “cultura della legalità”.
Il collegamento Skype, invece, l’attore Ettore Bassi che, oltre ad essersi trasferito a Fasano da qualche mese, proprio nella nostra città a dicembre e marzo scorsi aveva portato in scena un monologo teatrale su Angelo Vassallo.
Ampio spazio è stato dedicato agli studenti che hanno rivolto agli ospiti delle domande. In particolare è emersa, dai ragazzi, la voglia di conoscere tutti gli aspetti della vicenda che hanno portato all’omicidio del sindaco campano. Dalla volontà di Vassallo di cambiare Pollica, alle sue paure legate alle minacce ricevute. E ancora di come ha reagito la città all’omicidio del primo cittadino e in che modo stanno proseguendo le indagini sul caso.
Una mattinata all’insegna della riflessione, della conoscenza e della speranza di poter cambiare le cose negative che ci circondano per far spazio ad un mondo dove la legalità e la libertà siano i capisaldi. 
L’incontro di ieri rientra nel progetto “Lettura” inserito nel POF 2015/2016 e ha visto la collaborazione dei docenti Francesco Losavio (che per l’occasione ha condotto il dibattito con i ragazzi), Marella Convertino, Tiziana Leporati, Teresa Rubino e tutti i docenti di lettere, del dirigente, il Prof. Gennaro Boggia e il patrocinio del Comune di Fasano.

Lascia il tuo commento
commenti