L'Agenzia del Demanio ha deciso di rimuoverlo

In corso la rimozione dell’amianto da un capannone alla zona industriale

Qui sarà allestita la Compagnia della Guardia di Finanza. Nel settembre dello scorso anno, FasanoLive trattò la vicenda dopo la denuncia presentata da un ufficiale delle Fiamme Gialle

Attualità
Fasano venerdì 17 luglio 2015
di la redazione
Esperti a lavoro per rilevare la presenza di amianto
Esperti a lavoro per rilevare la presenza di amianto © FasanoLive.com

È cominciata da alcuni giorni la rimozione dell'amianto dal capannone dove sarà allestita la Compagnia della Guardia di Finanza, nella zona industriale nord tra via Sant'Oronzo e via dell'Industria, nei pressi del capannone dove qualche anno fa sorgeva la Monteco (azienda di raccola rifiuti). La questione fu trattata nel settembre dallo scorso anno da FasanoLive (leggi QUI) quando gli abitanti del comprensorio notarono la presenza di personale esperto in materia ambientale che prelevava alcune lastre di eternit inutile e a rischio rottura. Si trattava di una prima opera di bonifica, la più urgente, dopo la denuncia presentata nel luglio del 2013 alla Procura di Torino (che sta portando avanti le indagini) da parte di un ispettore della Guardia di Finanza. Nella denuncia, l'ufficiale delle Fiamme Gialle parlava dell'esposizione professionale ad amianto/eternit degli uomini della Guardia di Finanza nel comune di Fasano.

Alcune settimane fa, il vicesindaco Gianleo Moncalvo ha incaricato l'Arpa affinché effettuasse rilievi per verificare la pericolosità del materiale. L'Agenzia del Demanio, proprietaria dell'immobile, ha comunque pensato di rimuovere completamente l'amianto e i lavori stanno andando avanti da alcune settimane. La struttura in oggetto fu confiscata anni fa ad una azienda che commercializzava telefoni cellularied è ricoperta di lastre di eternit. Nella denuncia del 2013 si parla di amianto sbriciolato che potrebbe essere dannoso per la salute dei cittadini e in futuro per gli uomini della Guardia di Finanza. 

Lascia il tuo commento
commenti