Secondo appuntamento in cartellone

Le poesie in musica di Alice

La cantautrice romagnola si è esibita al Teatro Kennedy nell’ambito della trentaquattresima stagione concertistica di Fasanomusica

Spettacolo
Fasano sabato 03 dicembre 2016
di Dino Cassone
Alice in concerto
Alice in concerto © FasanoLive.com

Assistere a un concerto di Alice è quasi come vivere un’esperienza mistica. Alice non canta, accarezza le canzoni e regala intense emozioni. La cantautrice romagnola si è esibita ieri, 2 dicembre, al Teatro Kennedy di Fasano, nell’ambito della trentaquattresima stagione concertistica di Fasanomusica, organizzata dal sodalizio presieduto da Mariolina Patronelli Castellaneta. Ad accompagnarla sul palco c’erano il pianista Carlo Guaitoli e il chitarrista Antonello D’Urso, una formazione un po’esigua, a dirla tutta, per un recital che così concepito ha preso il via proprio dalla nostra città.  

Venti brani in scaletta, molte le poesie travestite da canzoni: “Aspettando mezzanotte”, “Tante belle cose”, “Veleni”,  tratte dall’album “Weekend” del 2014, “Un mondo a parte”, “Morire d’amore”, “Autunno già”, “A’cchiu’ bella” (eseguita in molti concerti come omaggio alla compianta Giuni Russo, autrice del testo, e a Totò, autore della musica) da “Samsara” del 2012, “È stato molto bello” “Al principe”, “Febbraio” (su poesie di Pier Paolo Pasolini e precedute dalla lettura del suo bellissimo articolo dal titolo "Il valore della sconfitta") da “Viaggio in Italia” del 2003, “La recessione” (sempre su testo di Pasolini) tratta da “Mezzogiorno sulle Alpi” (1992), “Il contatto” da “Exit” del 1998, “Dammi la mano amore” da “Charade” del 1995, “Anìn a grìs” e “Il sole nella pioggia” tratte da “Il sole nella pioggia” del 1989, “Chanson egocentrique” tratta da “Azimut” del 1982, “Nomadi” da “Park Hotel” del 1986, “La cura” da “Lungo la strada” del 2009, “I treni di Tozeur” da “Elisir” del 1987. Due i classici proposti come bis: “Il vento caldo dell’estate” da Capo Nord del 1980 e “Per Elisa” (canzone vincitrice a sorpresa del Festival di Sanremo), da “Alice” del 1981.

 

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette