Laboratorio in Festa

Conclusa la quattro giorni di festa al Laboratorio Urbano di Fasano

Obiettivo centrato per la quarta edizione di Laboratorio in Festa che è stato uno spazio dedicato a creatività, partecipazione, condivisione, integrazione

Fasano martedì 04 aprile 2017
di La Redazione
Laboratorio in Festa © nc

Sabato 1 aprile si è conclusa la quattro giorni della quarta edizione di "Laboratorio in Festa". Grande successo anche quest’anno per l’evento unico nel suo genere nella nostra città, organizzato dalla cooperativa Equo e non solo con le tante associazioni che hanno aderito (AccordiAbili, Aido, Asap Europe, Equo e non solo onlus, EquoAmbiente Centro Educazione Ambientale, Futurforma, Gruppo Educhiamoci alla Pace, Il ponte, Impronte di Puglia, Nodo antidiscriminazione razziale Fasano, Associazione Culturale Calliope, Associazione di volontariato Area Celsi, Comitato dei Genitori, Le nove muse, Tiska Tuska Topolino, Circo laboratorio nomadi, Take Care – Casa del Sole, Cittadini del mondo, Comune di Fasano, Spazi Mobili, Euthymia, Incima, Apsi Fasano, 4 Zampe, Arci Brindisi, Eliogabalo Arci, Cittadini del mondo, Mamadema Animation, Agesci Scout Fasano).

Dal 29 marzo al 1 aprile ci sono stati numerosi laboratori sull’ambiente, integrazione, multicultura, cucina, danze, per dire no al bullismo, musica, ombre, animali, che hanno visto la partecipazione di più di mille studenti di tutte le scuole di Fasano.

Negli stessi giorni, nei pomeriggi, ci sono state presentazioni di libri , laboratori, approfondimenti, a cura dell’associazione Apsi, è stato presentato il libro “Portare la vita in salvo” e a cura del Comune di Fasano il libro “Io e Anastasia” di Uma Gusmirovic; curiosità e interesse hanno suscitato i laboratori  aperti alla cittadinanza l’uno curato dall’associazione "Spazi mobili" dal nome “Per filo e per segno”, l’altro curato dall’associazione ”Gruppo Educhiamoci alla Pace" di Bari sui Mandala. 

La musica per superare le differenze è stata al centro dello spettacolo organizzato dall’associazione Calliope. 

Tutta la manifestazione ha avuto come sfondo due mostre fotografiche denominate “Frammenti” e  “Ai confini del cielo” di Michele Carnimeo, e una mostra di pittura che ha dato impronta internazionale all’intera manifestazione dell’artista palestinese Rima Almozayyen “Angeli del mare” e ancora grande supporto alla buona riuscita della manifestazione è stato dato dalle ragazze dei Servizi Sociali dell'Istituto "Da Vinci", che hanno affiancato le varie associazioni nelle attività.

Obiettivo centrato per Laboratorio in Festa che è stato uno spazio dedicato a creatività, partecipazione, condivisione, integrazione.  

Lascia il tuo commento
Le più commentate
Le più lette