Dal 17 al 22 marzo

Premio Biol in collaborazione con il Parco Dune Costiere

La XXII edizione del concorso tra i migliori extravergini biologici del mondo. Ricco il programma con mostre, incontri e laboratori

Fasano mercoledì 15 marzo 2017
di La Redazione
Olio
Olio © n.c.

Il XXII Premio Biol, il concorso internazionale per i migliori extravergini ecocompatibili, dal 17 al 22 marzo, è organizzato dal CiBi, e promosso dall’assessorato all’Agricoltura delle Regione Puglia e dalla Camera di Commercio di Bari - si terrà nella Cittadella del Biol, nell’ex macello comunale ora Centro Polifunzionale Gal Alto Salento (Strada Statale 16, km 876).

Qui, partendo dalla sezione concorsuale, la giuria internazionale formata da 30 esperti di tutto il mondo - ma in molti casi anche operatori e stakeholder - valuteranno gli oltre 350 olii in concorso da 15 Paesi: Albania, Arabia, Argentina, Cile, Croazia, Egitto, Grecia, Israele, Portogallo, Slovenia, Spagna, Tunisia, Turchia, Usa, oltre naturalmente all’Italia (una sessantina i pugliesi in gara).

Si parte giovedì 17 marzo giornata di apertura organizzata dal Parco Dune Costiere, con una conversazione in inglese con Graham Rooney, esperto assaggiatore che parlerà ai produttori olivicoli-oleari e agli inglesi residenti in Puglia (l’incontro è aperto a tutti), sull’analisi sensoriale degli oli bio attraverso assaggi nella cornice del Museo delle Civiltà Preclassiche della Murgia Meridionale, nel centro storico di Ostuni, in occasione anche della mostra di olii biologici esposti all’interno delle teche museali.

Interessanti appuntamenti, come quello dal titolo ‘Diamo un Voto al Tuo Olio’ iniziato lo scorso sabato 11 marzo e che si ripeterà nel prossimo weekend, durante il quale, per le strade di Ostuni, tutti i cittadini potranno consegnare campioni del loro olio per farli analizzare gratuitamente e ritirare i risultati nella Cittadella del Biol durante la manifestazione (maggiori info sul sito www.premiobiol.it, www.parcodunecostiere.org e sulle pagine Facebook ‘Premio Biol’ e ‘Parco Dune Costiere’).

Oltre alla mostra Biolinnova e alla tavola rotonda “La difesa dell’olivo biologico e la Xylella”, il programma è vario, prevede la mostra degli oli in concorso; corsi gratuiti di analisi sensoriale di miele, pane e olio bio; open bar con assaggi guidati di olio e miele; bistrot con ristorazione bio; laboratori di produzione di sapone ed estratti naturali, e di stampe naturali su carta e stoffa con i colori delle piante del Parco delle Dune Costiere; analisi gratuita degli extravergini portati da casa; corner espositivi tematici; itinerari a piedi per la Città Bianca o in bici attraverso le bellezze del Parco. Durante tutta la kermesse, ci saranno stand di aziende a Marchio Parco e Marchio CETS (Carta Europea del Turismo Sostenibile) all’interno della Cittadella del Biol, tra cui Labo Naturae con la produzione dei suoi saponi artigianali fatti con estratti di essenze naturali del Parco e Gran Teatro del Click Nature&Food che realizzerà stampe naturali su carta e stoffa con i colori delle piante del Parco delle Dune Costiere. Oltre ai laboratori, anche escursioni con la Cooperativa Gaia dai Giadini della Grata fino al centro storico ostunese e in bici con MadEra Bike tra le bellezze nascoste del Parco, partendo dall’Albergabici (è possibile consultare il programma sulle Pagine Facebook e sui siti internet indicati sopra). Il Parco delle Dune Costiere con l’associazione Passoditerra e Gran Teatro del Click organizzano una mostra etnobotadica con le erbe spontanee commestibili delle aree rurali del Parco.

In chiusura i riconoscimenti, tra cui: il Premio Biol al miglior olio dell’annata; il BiolPack, assegnato da una specifica giuria al miglior packaging, ossia il confezionamento di prodotto con il migliore design e l’etichettatura più chiara, più vari riconoscimenti territoriali e tematici, come il BiolKids, riservato ai giovani palati delle scuole elementari.

Il Premio Biol è patrocinato da Ministero delle Politiche agricole, Ifoam e AgribioMediterraneo. L´Ente Parco delle Dune Costiere è partner insieme al Comune di Ostuni, al Gal Alto Salento, Università di Bari e di Foggia, Associazione Dialoghi Fluidi, Fondazione Dieta Mediterranea, Itas Pantanelli di Ostuni, Chemiservice, Consorzio Puglia Natura, Biolitalia, Agap, Rete Utile Buono e Bio. 

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette