Oggi si chiude la festa

«Priore della Confraternita non un ruolo di comando, ma di responsabilità»

In occasione della festa patronale, il presidente della Confraternita Maria SS.ma del Carmelo, Nicola Colucci, parla anche del futuro e del ruolo dei giovani

Cultura
Fasano lunedì 17 luglio 2017
di Madia Lucia Colucci
Nicola Colucci, Priore della Confraternita di Pezze di Greco © N.c.

In occasione della festa patronale di Pezze di Greco, che si conclude oggi, e del centenario della parrocchia, il Priore della Confraternita, Nicola Colucci, ha rilasciato un’intervista a FasanoLive.

Presidente, quale ruolo ricopre la Confraternita nella festa patronale? E quale nella vita della comunità?
«La Confraternita è parte integrante della festa patronale in quanto collabora in stretta sinergia con il parroco e il Comitato Feste Patronali. Si occupa, inoltre, di tutto ciò che è legato all’ambito religioso come, ad esempio, la vestizione dei nuovi Confratelli e delle nuove Consorelle. Organizza la processione con tutti i suoi membri e l’intera comunità parrocchiale portando per le vie del paese la statua della nostra santa patrona Maria SS. Del Carmine, alla quale siamo devoti. Nella vita della comunità la Confraternita collabora per qualsiasi iniziativa di tipo religioso, si occupa dei bisognosi e della carità».

La Confraternita ha più anni della nuova parrocchia, della quale quest'anno ricorre il centenario, che peso ha esserne il presidente?
«La Confraternita nasce qualche anno prima della nostra parrocchia, precisamente nel 1913. Esserne il presidente non equivale ad avere un ruolo di comando ma ad avere un grande senso di responsabilità. Inoltre, il ruolo di presidente corrisponde a rappresentare la Confraternita con dignità, umiltà e serietà, ad essere, quindi, un modello per i resto dei Confratelli e delle Consorelle».

Giovani e Confraternita, cosa ne pensa?
«I giovani sono il futuro. Nella nostra Confraternita ci sono parecchi giovani e mi auguro, anzi ne sono certo, che, in quanto adulti, noi con il nostro buon esempio riusciremo a tramandare loro tutto ciò che ci è stato lasciato in eredità dai nostri predecessori che, con tanto sacrifici, hanno fatto sì che la Confraternita diventasse ciò che è oggi».

Infine il presidente ha voluto concludere l’intervista con un augurio: «Onorato di essere il Priore della nostra Confraternita Maria Ss.ma del Carmine, auguro a tutti una buona festa patronale e che la nostra santa patrona vigili sempre su di noi.»

Lascia il tuo commento
Le più commentate
Le più lette