Social

Fasano - venerdì 17 febbraio 2017 Cultura

Oggi

Massimo Roscia a Fasano

L'autore del libro "Di grammatica non si muore" ospite di un incontro organizzato dal Presidio del Libro di Fasano e della Libera Associazione Forense "Francesco Saponaro"

La locandina © nc
di Dino Cassone

Il Presidio del Libro di Fasano in collaborazione con la Libera Associazione Forense “Francesco Saponaro” e con il patrocinio dell’Amministrazione comunale presentano “Di grammatica non si muore” di Massimo Roscia (Ed. Sperling & Kupfer). Dialogherà con l’autore la presidente della Laf Italia Ditano mentre le conclusioni dell’incontro saranno affidate al Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Brindisi Marco Dinapoli. L’iniziativa è promossa dalla Regione Puglia assessorato all'Industria Turistica e Culturale in collaborazione con l'Associazione Presidi del Libro e avrà luogo presso la Sala di Rappresentanza del Comune di Fasano, oggi 17 febbraio alle ore 17. L’ingresso è aperto a tutti.

«Ragazzi, tutti attenti! Oggi parliamo dei plurali dei nomi composti. Allora, le regole sono troppe e piene di eccezioni. Non ci provate neanche a impararle a memoria. Usate il buon senso e soprattutto un buon vocabolario.»

Se Massimo Roscia salisse (e non salirebbe) in cattedra, la sua lezione andrebbe (e non andasse) più o meno così. Perché nella grammatica crede fermamente, un po' meno nell'approccio paludato tutto nozioni e casi noiosi. Così ha deciso di svecchiarlo, per dimostrare che le norme possono essere semplici, intuitive e persino amichevoli. Sempre all'insegna dell'uso pratico e vivo, perché la lingua è fatta per essere parlata, adattata, modificata, arricchita, cambiata, rivista, aggiornata, corretta, sempre e comunque amata.

 

   

Lascia il tuo commento
La pubblicazione dei commenti deve rispettare alcune Regole di buon costume e rispetto nei confronti degli altri
Clicca qui per maggiori dettagli
Commenta
  • Violano la legge sulla stampa
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Sono scritti in chiave denigratoria
  • Contengono offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede
  • Incitano alla violenza e alla commissione di reati
  • Contengono messaggi di razzismo o di ogni apologia dell’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto ad altre
  • Contengono messaggi osceni o link a siti vietati ai minori
  • Includono materiale coperto da copyright e violano le leggi sul diritto d’autore
  • Contengono messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S. Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti web non inerenti agli argomenti trattati
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono.
Chiudi Non visualizzare di nuovo