Domani mattina

​Una targa per l'associazione "Flavio Arconzo" e per le vittime della strada ad Albano Laziale

Il luogo dove sarà piantato l'albero si trova in una zona pedonale molto frequentata, anche da tanti giovani

Attualità
Fasano sabato 13 gennaio 2018
di La Redazione
Katia Schiavone presidente associazione Flavio Arconzo Vittime della strada
Katia Schiavone presidente associazione Flavio Arconzo Vittime della strada © Associazione

Domani, domenica 14 gennaio, alle 10:30, nei giardinetti del Museo Civile di Albano Laziale, si terrà la cerimonia conclusiva del progetto "Alberiamo Albano in ricordo di..." promosso dall'Associazione San Francesco di Albano.

Grazie all'impegno di Tamara Perrone, responsabile di una sezione della "Flavio Arconzo, la Sezione. "Arianna Perrone" di Albano Laziale, che ha aderito all'iniziativa, durante la cerimonia sarà piantato un albero che porterà una targa a nome dell'Associazione "Flavio Arconzo- vittime della strada e della giustizia" in ricordo delle vittime della strada.

Il luogo dove sarà piantato l'albero si trova in una zona pedonale molto frequentata, anche da tanti giovani, e la speranza della signora Perrone è che sia spunto di riflessione per ogni passante che leggerà i nomi di alcune vittime sulla targa e la scritta "Ricordare per prevenire..."

A nome della Sede Madre di Fasano, la presidente Katia Schiavone ringrazia Tamara Perrone per questa specifica iniziativa e per il suo contributo nel portare avanti la mission del sodalizio: sensibilizzare e prevenire.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Loredana Orlandini ha scritto il 13 gennaio 2018 alle 14:12 :

    Come socia delegata di Milano e prov. dell' ass. FLAVIO ARCONZO Vittime della Strada e della Giustizia, faccio i complimenti a Tamara Perrone per questa iniziativa che, da Nord a Sud, ci accomuna in un unico obiettivo: sensibilizzare le coscienze di chi si mette alla guida di un qualsiasi mezzo, per evitare tragedie che distruggono la vita di troppe persone, lasciando nella disperazione chi resta. Rispondi a Loredana Orlandini